Sindaco Morini: “Vicino alle imprese piegate dal maltempo”

  • Stampa

La Giunta comunale di Manciano ha deliberato che sussistono i presupposti per richiedere la dichiarazione dello stato di calamità naturale sul territorio comunale, a causa delle eccezionali gelate avvenute nei giorni 7 e 8 aprile 2021, che hanno creato ingenti danni al comparto agricolo compromettendo di fatto il raccolto dell’anno solare in corso. “Abbiamo presentato – spiega il sindaco di Manciano Mirco Morini – agli enti e agli organi competenti la richiesta di dichiarazione dello stato di calamità e ogni eventuale richiesta di rimborso per i danni che le aziende hanno subito a seguito degli eccezionali eventi climatici. Questo provvedimento non comporta impegni economici a carico dell’ente ma dà la possibilità alle imprese di ricevere un risarcimento. Lo scorso 7 e 8 aprile anche il territorio di Manciano è stato, infatti, interessato da questo brusco abbassamento delle temperature, con picchi sotto allo zero, evento che ha messo in ginocchio il comparto agricolo danneggiando le fioriture di frutteti, viti e ortaggi e rischiando la compromissione della produzione cerealicola e compromettendo di fatto il raccolto dell’anno solare in corso. Grazie all’impegno delle associazioni di categoria che si sono da subito fatte carico della situazione, anche la nostra amministrazione ha voluto dare un segno di vicinanza e solidarietà al comparto agricolo, già in difficoltà anche a causa dell’emergenza da Covid-19 tuttora in corso”.