Ordinanza del Sindaco

  • Stampa
Image

ORDINANZA SINDACALE PER LA PREVENZIONE DEGLI INCENDI

 

IL SINDACO

 

 

RICHIAMATA la L. 21/11/2000 n. 353 “ Legge quadro in materia di incendi boschivi”

 

Vista la Legge Regionale n.39 del 21/03/2000 e s.m.i. “Legge Forestale della Toscana” e successivo Regolamento di Attuazione(D.P.G.R.8/8/2003 n.48);

 

Dato atto che ai sensi dell’art.61 del Regolamento Forestale della Toscana,il periodo a maggior rischio di incendio boschivo è dal 1 luglio al 31 agosto di ogni anno;

 

Visto che ai sensi dell’art.58 del suddetto Regolamento i cittadini hanno l’obbligo di evitare tutte le azioni a rischio,quali:

-accensione dei fuochi e di carbonaie;

-abbruciamento di residui vegetali;

-l’accumulo o lo stoccaggio all’aperto di fieno,di paglia o di altri materiali facilmente infiammabili;

-l’uso di strumenti o attrezzature a fiamma libera o che possano produrre scintille o faville;

 

Visti gli articoli 29 e 30 del vigente Regolamento Comunale di Polizia Urbana e Rurale approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 22 del 11.5.2006 in merito all’obbligo dei proprietari di rimozione di rami e foglie di alberi, nonché al divieto di depositare o abbandonare su aree private rifiuti di qualsiasi genere;

 

Ritenuto opportuno ribadire il concetto che i proprietari frontisti delle strade vicinali ed interpoderali devono adottare idonee misure di prevenzione degli incendi boschivi lungo le banchine e scarpate delle vie di comunicazione di loro pertinenza;

 

ATTESO che la Prefettura di Grosseto ha riscontrato come causa di intensificazione degli incendi, la mancanza di pulizia delle aree boschive da parte dei proprietari o possessori, e che molti incendi si verificano per l’incuria individuale o per il completo abbandono di varie aree boschive ed agricole, anche nei pressi delle abitazioni;

 

Dato atto che il fenomeno degli incendi boschivi sul territorio comunale, a causa del verificarsi di particolari condizioni meteorologiche ed ambientali, può causare notevoli danni ambientali ed all’economici nella zona e notevoli pericoli per la pubblica incolumità;

 

Visto l’art. 845 C.C.

Visto l’art.29 del D.Lgs.n.285/92;

 

Visti gli artt.50- 54 del T.U. degli enti locali di cui al D. Lgs 267/2000 in merito al potere sindacale di adozione delle ordinanze contingibili ed urgenti per fronteggiare particolari emergenze;

 

 

 

ORDINA

 

1)A tutti i proprietari o possessori a qualsiasi titolo di aree agricole o boscate , nonché ai frontisti delle strade vicinali, interpoderali, private o sentieri di ogni dimensione e ampiezza, una adeguata pulizia degli immobili detenuti per una fascia di rispetto di larghezza m.3 evitando accumuli non necessari all’attività di materiali legnosi e/o infiammabili, nonché la devegetazione intorno ai fabbricati adibiti ad uso abitativo o ad uso stalla ed alle loro pertinenze, per una profondità di m. 15 , misurati dal perimetro degli stessi, per le motivazioni citate in premessa.

 

2) Obbligo, nei casi di abbruciamento delle stoppie o altri residui vegetali, di dare preventiva comunicazione al Corpo Forestale dello Stato;

 

 

Inoltre VIETA di:

 

- Accendere fuochi nei boschi e fasce contigue;

- Abbandonare mozziconi accesi nelle aree esterne ai centri abitati;

- Abbruciare le stoppie o altri residui vegetali su qualsiasi terreno nelle giornate ventose;

 

Chiunque avvisti un incendio è tenuto a darne immediata comunicazione alle autorità competenti.

 

La mancata ottemperanza della presente comporterà le sanzioni penali ed amministrative previste dall’art. 650 del C.P. oltre alle sanzioni amministrative previste dalla vigente normativa in materia.

 

Il Corpo Forestale dello Stato, il Comando Polizia Municipale e tutte le altre Forze di Polizia sono incaricati di accertare l’osservanza dell’ordinanza da parte della cittadinanza.

 

La presente ordinanza verrà inviata a: Corpo Forestale dello Stato, Polizia Municipale e Stazione Carabinieri.

 

IL SINDACO

Rossano Galli