Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

“Ponte Lungo non verrà chiuso”

L’assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Manciano, congiuntamente con Regione Toscana e Provincia di Grosseto, comunica che il collegamento di Ponte Lungo, sulla strada regionale 74, tra Albinia e Manciano, non verrà chiuso. “In queste ultime settimane – spiga Valeria Bruni, assessore ai lavori Pubblici del Comune di Manciano - la notizia del necessario restyling del ponte ha messo in allarme tutta la cittadinanza. I lavori che erano stati programmati per l’inizio dell’estate che è appena trascorsa sono stati messi subito in stand-by proprio per permettere il transito dei veicoli durante la stagione estiva ed evitare così di danneggiare l’economia e il turismo, in un momento cruciale per gli operatori del settore. Insieme all’assessore regionale alle Infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli e al consigliere provinciale con delega alla Viabilità Marco Biagioni, i Comuni di Manciano e Pitigliano intendono percorrere la via più indolore per gestire la problematica che riguarda lo stato attuale di salute di Ponte Lungo. I Comuni, la Provincia e la Regione, con i propri tecnici hanno fatto incontri e sopralluoghi e insieme stanno cercando la soluzione migliore per non isolare neppure un giorno il territorio. Nell’ottica di una soluzione responsabile, tecnici e politici di ogni livello stanno lavorando insieme. Invito i cittadini a non creare inutili allarmismi che non portano a nulla e creano agitazione nella popolazione. Appena avremo in mano la soluzione definitiva, a breve, decisa e condivisa insieme agli organi competenti superiori, lo comunicheremo”. “Abbiamo incontrato la Regione – parla il sindaco di Manciano, Mirco Morini – per intraprendere un percorso condiviso. Quello che a noi preme è che il ponte non venga chiuso e che il territorio non venga isolato. Ci sono già delle soluzioni pronte sul tavolo regionale che vanno in questa direzione. Ora è importante rispettare i tempi e il lavoro di Regione, Provincia e Comune per arrivare a un unico obiettivo: evitare la chiusura del ponte e l’interruzione della viabilità. Colgo l’occasione per ringraziare Regione e Provincia per la fattiva collaborazione, con lo scopo di trovare una soluzione definitiva nell’interesse della collettività, a tutela dei cittadini e delle imprese e del passaggio delle autoambulanze e degli studenti”.

 

Elicicoltura, Manciano vola a Cherasco per scoprire le tecniche di innovativi allevamenti di lumache

Il Comune di Manciano ha rappresentato la Maremma al 47esimo incontro internazionale di elicicoltura e al 13esimo “Festival della chiocciola in cucina” in programma durante lo scorso fine settimana a Cherasco, in provincia di Cuneo in Piemonte. Questo evento, organizzato quando la stagione dell’elicicoltura vive il suo culmine, è una vetrina dedicata a tutti gli operatori, gli appassionati ed i curiosi per mostrare l’incredibile capacità del settore di rinnovarsi ed arricchirsi. Il disciplinare prodotto dall’istituto internazionale di elicicoltura di Cherasco conferisce alle chiocciole da allevamento il prestigioso titolo di Chiocciola Metodo Cherasco: è semplice ma impegnativo da rispettare. Il metodo si ispira in maniera ortodossa alle leggi della natura e, per questo, non sono concesse alternative ad un modello all’aperto, senza intervento umano che crei il riparo dalle condizioni del tempo: sole, pioggia, neve e vento fanno la selezione degli animali che arriveranno nelle cucine di chef a cui è affidato il compito di preservare le ricette della tradizione culinaria regionale. Questo metodo offre la possibilità di intraprendere l’attività di allevamento e dello sfruttamento del territorio attraverso lo sviluppo di una filiera che va dalla produzione primaria al mondo del beauty. Il Comune di Manciano crede fortemente in questo metodo e in questo evento e ha partecipato convintamente alle giornate in Piemonte per conoscere più da vicino il mondo legato all’elicicoltura sotto ogni punto di vista: da quello ambientale a quello agricolo, da quello gastronomico a quello economico. “Questi giorni trascorsi a Cherasco – spiega l’assessore all’Ambiente del Comune di Manciano, Daniela Vignali – ci hanno dato modo di approfondire la conoscenza sull’elicicoltura, grazie alla spiegazione di passaggi teorici e tecnici necessari all’avvio di un allevamento secondo il disciplinare Chiocciola Metodo Cherasco. Nel mancianese è presente un’azienda agricola leader a livello nazionale che alleva chiocciole, ‘I Poderi’ di Andrea Pepi, e sempre nell’ottica di lavorare per sostenere le eccellenze, l’amministrazione comunale è vicina alle realtà produttive agricole e zootecniche, nel rispetto dell’ambiente circostante”. “Quella di Cherasco – parla il sindaco di Manciano, Mirco Morini – è stata un’occasione importante non solo per apprendere metodi nuovi in merito agli allevamenti di chiocciole ma anche un’opportunità di fra conoscere la nostra Maremma e i suoi allevamenti in un’altra regione. Cherasco, infatti, è la vetrina più importante per l’elicicoltura ed è la prima volta che un’amministrazione comunale di Manciano voli in Piemonte a sostegno delle nostre aziende locali di questo settore”. 

Il Sessantotto a Manciano

Parte anche a Manciano il progetto provinciale “1968 - Niente come prima”, una serie di incontri che si svolgeranno da giovedì 4 ottobre a giovedì 29 novembre alla biblioteca Antonio Morvidi”. Letture teatrali, lezioni multimediali, dibattiti e presentazioni di libri per ripercorrere la storia, l’arte, la politica, la cultura del Sessantotto nel suo cinquantesimo anniversario. Questo progetto, nato per ripercorrere il Sessantotto dal mondo alla Maremma, animerà le biblioteche comunali di Arcidosso, Castiglione della Pescaia, Manciano, Massa Marittima, Orbetello, Roccastrada e Scarlino. L’iniziativa è promossa dalla Rete Biblioteche e Archivi di Maremma con il finanziamento della Regione Toscana. L’obiettivo comune è quello di raggiungere pubblici diversi per interessi ed età, stimolando in tutti i partecipanti una riflessione su cosa è stato il 1968 e sui cambiamenti che ha determinato nell’ambito socio-culturale italiano. A Manciano gli appuntamenti, otto in tutto, si svolgeranno nella biblioteca comunale “Antonio Morvidi” alle ore 17. “Questo progetto – spiega il consigliere delegato alla Cultura del Comune di Manciano, Sergio Pietretti – fa parte di un percorso culturale e territoriale importante che ha lo scopo di offrire alla collettività, dai giovani studenti agli adulti, un dibattito e un confronto su quello che è stato questo lasso temporale così significativo e quello che è venuto dopo. La Biblioteca di Manciano ospiterà 8 incontri aperti a tutti, in particolar modo agli studenti di medie e superiori”. 

Calendario:

Giovedì 4 ottobre ore 17 “Onda d’urto... dal ’68 al ’78, cronache di un cambiamento irreversibile tra rivoluzione e restaurazione”: reading a cura del Teatro Studio di Grosseto.

Giovedì 11 ottobre ore 17 presentazione del libro “Risalire il pendolo” di Stefano Pelli, sarà presente l’autore.

 

Giovedì 18 ottobre ore 17 “Il ’68 e il femminismo” incontro con la dottoressa Claudia Musolesi.

 

Giovedì 25 ottobre ore 17 “Parliamo del ‘68” percorsi di lettura con gli attori del teatro Studio di Grosseto.

 

Mercoledì 31 ottobre ore 17 “Il ’68 e la deriva terroristica” incontro con la dottoressa Claudia Musolesi.

 

Giovedì 8 novembre ore 17 “Il ’68 attraverso l’arte, il cinema e la musica” incontro con la dottoressa Francesca Lotti.

 

Giovedì 15 novembre ore 17 presentazione del libro “Il pettirosso e la tagliola”, con Nivio Fortini, Ilaria Petrucci, Alessandra Riga.

 

Giovedì 29 novembre ore 17 presentazione del libro “Roberto Ferretti e il ’68 in Maremma” con Paolo Nardini, Valerio Fusi, Flavio Fusi, Piergiorgio Zotti.

Vendita partecipazione societaria

Si comunica che, sul sito www.uc-collinedelfiora.it è possibile consultare gli atti con i quali l'Unione dei Comuni montani "Colline del Fiora" ha indetto esperimento di asta pubblica per la vendita della propria partecipazione nella R.A.M.A. S.p.A.

“Primavera-estate 2018, un calendario eventi da record: orgogliosi e soddisfatti”

“Bilancio decisamente positivo per gli eventi organizzati, sostenuti e patrocinati dal Comune di Manciano durante la primavera e l’estate appena trascorse”. Sono queste le parole del consigliere delegato alla Cultura e Turismo del Comune di Manciano, Sergio Pietretti il quale spiega “che quest’anno, dal mese di marzo è stato un susseguirsi di eventi e iniziative di grande livello che hanno dato lustro al nostro territorio, un’opportunità economica per le strutture ricettive, gli albergatori e i commercianti e un’offerta importante per un pubblico eterogeneo composto da gente del posto e da vacanzieri. Oltre ai ‘grandi classici’, che ogni anno accompagnano la primavera e l’estate mancianese come, in ordine di tempo, Manciano Street Music Festival che ha regalato anche il concerto gratuito di uno dei più importanti cantautori italiani Fabio Concato, la Notte Romantica a Montemerano, Cartoon Village con il concerto gratuito di Cristina D’Avena, il top per gli appassionati del genere, Palio delle Botti, Morellino Classica Festival, Saturnia Festival, Teatro del baratto e Festa delle Cantine, quest’anno abbiamo organizzato una serie di eventi culturali ed enogastronomici, dedicati al lavoro del pittore Pietro Aldi, a 130 anni dalla sua scomparsa. In collaborazione con le associazioni culturali del territorio abbiamo programmato una rassegna letteraria molto particolare, dal titolo ‘Calici di parole’: la lettura abbinata al vino, ovviamente quello dei nostri vigneti. Oltre ad aver ‘portato’ Shakespeare in piazza Magenta con lo spettacolo ‘La tempesta’, il Comune di Manciano ha patrocinato la ‘Notte bianca del dono e del baratto’, un’iniziativa unica nel suo genere, la prima in Maremma che ha avuto una grande eco sulla stampa nazionale. La punta di diamante della fine dell’estate sicuramente è stata la prima edizione di Saturnia Film Festival, la prima rassegna in Maremma di corti cinematografici. Sono state tre serate di cinema all’aperto dedicate alla visione dei migliori cortometraggi provenienti da tutto il mondo, selezionati dalla commissione artistica del festival. L’evento è stato itinerante e ha coinvolto le località di Manciano, Montemerano e Saturnia. Abbiamo puntato molto su questo festival che ha visto la partecipazione non solo di ospiti di spicco del cinema italiano ma ha dato spazio anche ad artisti internazionali ed emergenti e ha avuto come obiettivo quello di creare un contatto tra il cinema e il territorio, offrendo al pubblico un evento di profondo interesse culturale e artistico e un appuntamento imperdibile per i professionisti del settore. Abbiamo dato la possibilità ai registi selezionati di conoscere e di farsi ispirare da un luogo di grande valenza storica e paesaggistica come il nostro, per le loro future opere, organizzando appositamente per questi professionisti, durante le giornate del festival, un tour nelle location più significative da un punto di vista storico e paesaggistico del comune di Manciano. In ultimo – aggiunge Pietretti - siamo orgogliosi di aver fatto rinascere per la seconda volta la Festa delle Cantine. Erano anni che questa storica kermesse non vivesse questo successo. Giovani, famiglie, turisti a frotte per visitare le cantine e bere il buon vino. Un successo strepitoso che vogliamo far crescere ancora di più nei prossimi anni. Siamo orgogliosi per gli eventi e per tutte le iniziative promosse e proposte, sempre in crescita e sempre di alto livello. Tutto questo è stato possibile solamente grazie alla professionalità degli organizzatori, all’impegno delle associazioni, comitati, pro loco e al grande cuore di tutti i volontari”. (Foto di Tiziano Coli)

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    127