Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

Galli: “Il Comune non incassa i soldi per la depurazione. Entro il 2016 sarà realizzato l’impianto”

In merito alle azioni di protesta intraprese dai cittadini in occasione dell’invio delle bollette per il servizio idrico e di depurazione da parte di Acquedotto del Fiora, contro il pagamento delle tariffe di depurazione e per le quali i residenti sostengono che in base alla sentenza della Corte costituzionale n.335/2008 il tributo sarebbe illegittimo per un pagamento di un servizio che non viene erogato nel comune di Manciano, l’amministrazione comunale intende chiarire alcuni punti. “Nel nostro paese – spiega il sindaco di Manciano, Marco Galli - è già stato progettato da Acquedotto del Fiora un impianto di depurazione, attualmente in fase di gara, che dovrà essere realizzato entro il 2016, con una spesa d’investimento di circa cinque milioni di euro. Inoltre – continua il sindaco - le tariffe di depurazione calcolate in bolletta non entrano nelle casse di questo Comune, ma in quelle del gestore del servizio idrico integrato. Dopo la sentenza della Corte, il Parlamento ha stabilito da una parte l’obbligo per i gestori del servizio idrico integrato di restituire la quota di tariffa non dovuta, riferita al servizio di depurazione, dall’altra la conferma della copertura tariffaria dei costi relativi alle attività di progettazione e realizzazione o completamento degli impianti di depurazione. Nel 2010 l’Ato Ombrone ha stabilito la lista degli esonerati dal pagamento del servizio di depurazione e la restituzione automatica a tutti gli aventi diritto, ad oggi la restituzione è stata completata. Successivamente – conclude Galli - l’autorità idrica Toscana (subentrata agli Ato) aggiorna ogni anno le tariffe speciali per quegli utenti che non usufruiscono del servizio di depurazione e che hanno però un depuratore in costruzione determinando in bolletta i costi sostenuti per attività di progettazione e realizzazione degli impianti”.

Montemerano vola all’Expo 2015

La Maremma arriva all’Expo 2015 grazie alla presenza del paese di Montemerano che sarà all’esposizione universale su alimentazione e nutrizione dal 10 al 16 agosto e dal 5 all’11 ottobre. Montemerano sarà all’Expo di Milano con uno stand finanziato dal Comune di Manciano, all’interno del progetto “I borghi più belli di Italia”. “Un’occasione unica – spiega il sindaco di Manciano Marco Galli – per far conoscere il nostro territorio e le sue eccellenze: prodotti enogastronomici, piatti tipici, resti e rovine medioevali, percorsi e sentieri immersi nella natura. Un connubio tra cultura, storia, tradizioni locali, enogastronomia, sport e divertimento. In un momento così delicato, crediamo sia importante intraprendere tutti i percorsi possibili per promuovere e rilanciare il nostro territorio. Grazie al nostro impegno e agli investimenti promozionali resi possibili con l’imposta di soggiorno – conclude il sindaco Galli – la Maremma va oltre i suoi confini naturali e porta le sue bellezze all’esposizione mondiale più importante del momento”. Anche l’assessore al Turismo, Giulio Detti ribadisce l’importanza della presenza del borgo di Montemerano all’Expo 2015: “Expo è una vetrina importante, non tanto per il flusso immediato di visitatori ma soprattutto per la visibilità che la fiera darà al territorio maremmano nel futuro. Non basta esserci, bisogna presentarsi nel modo migliore e il lavoro da fare è ancora molto. Come amministrazione non ci fermiamo qui – afferma Detti - in questi giorni stiamo lavorando ad altri due importanti progetti di partecipazione territoriale in cui metteremo in mostra tutti i gioielli del nostro comune. Il primo sviluppato insieme agli altri comuni grossetani all’interno dello spazio della Regione Toscana e il secondo elaborato con il Ministero dei beni, delle attività culturali e del turismo sul filone tematico degli etruschi”.

Consiglio comunale, approvato all’unanimità l’argine a Marsiliana

E’ stata approvata all’unanimità, durante il Consiglio comunale di oggi, la variante al piano regolatore per la realizzazione dell’argine remoto a Marsiliana. “E’ un nostro dovere come amministrazione comunale - spiega il sindaco, Marco Galli – approvare quest’opera per mettere in sicurezza il territorio e le sue abitazioni. Se ci fosse stato questo argine non avremmo avuto i danni della seconda alluvione. Capisco tutte le perplessità dei cittadini che credono che quest’opera possa svalutare i propri immobili ma per noi la priorità è la messa in sicurezza della zona”. Sulla stessa linea si pone l’assessore comunale all’Urbanistica Daniele Pratesi il quale afferma che “questa opera è necessaria per la sicurezza della popolazione. E’ un argine importante per la salvaguardia della zona di Marsiliana. Il Comune, inoltre, non ha nessuna competenza sulla procedura di esproprio”. “Il Comune ha fatto tutto il possibile per risolvere questa problematica – intervengono i consiglieri comunali Roberto Bulgarini, Luca Pallini e Mario Mecarozzi (Manciano Comune Aperto). Il Consiglio non può non approvare la variante al piano regolatore per la realizzazione dell’argine. Rimangono qualche perplessità sugli aspetti tecnici della realizzazione dell’opera. Il presidente della Regione Enrico Rossi – dicono – non può chiudere gli occhi di fronte alle esigenze dei cittadini”. 

Gli studenti diventano attori per ricordare la Prima guerra mondiale

Nell’ambito delle iniziative della Festa della Toscana, l’istituto tecnico industriale chimici di Manciano Zuccarelli Iti propone sabato 21 febbraio, alle ore 11.30 al cinema Moderno, la rappresentazione teatrale e musicale “L’incontro con il confine. La memoria della Prima guerra mondiale”, messa in scena dai BandIti, compagnia “instabile”, teatrale e musicale, degli allievi dell’Iti. Nel centenario della Prima guerra mondiale, gli studenti seguiti dai loro insegnanti hanno realizzato uno spettacolo che propone frammenti di brani letterari ed epistolari, poesie e canzoni, il tutto assemblato in un percorso di ricerca, di lettura e di testimonianza sulla memoria della Grande guerra. Le ragazze e i ragazzi della compagnia leggeranno notizie da giornali dell’epoca, brani letterari e poetici classici, da Lussu a Remarque, da Sbarbaro a Quasimodo, e contemporanei, come la descrizione della tregua di Natale del 1914 da “La caduta dei giganti” di Ken Follett, riflessioni di grandi pensatori, da Bertold Brecht a papa Francesco, e lettere scritte alle famiglie da soldati maremmani che si trovavano al fronte. Le parti recitate saranno legate dai canti della tradizione popolare e canzoni di grandi autori contemporanei. Inoltre, dalle classi dell’Isis Zuccarelli è stata realizzata un’inchiesta sui ricordi della guerra all’interno delle proprie famiglie. Sono state raccolte numerose testimonianze e varie forme di documentazione che attestano la partecipazione dei cittadini delle Colline del Fiora alla Grande guerra (certificati, immagini, medaglie, fotografie di monumenti e lapidi dei caduti). Tutto questo materiale è stato organizzato in un volume insieme al copione dello spettacolo. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’amministrazione comunale di Manciano e con la compartecipazione del Consiglio regionale della Toscana.  Lo spettacolo è aperto a tutta la cittadinanza ed è gratuito.

BILANCIO DI PREVISIONE 2015, OBIETTIVO NON AUMENTARE LE TASSE

Con il bilancio di previsione 2015, che sarà presentato entro la primavera e su cui la Giunta sta lavorando, l’amministrazione comunale di Manciano anticipa le sue linee guida. Nonostante il taglio netto di risorse operato dal governo di oltre 400mila euro rispetto al 2014, l’obiettivo è quello di raggiungere il pareggio senza aumentare nessuna aliquota tributaria. “Dopo aver espresso disappunto per l’ennesimo taglio del Governo – spiega il sindaco di Manciano Marco Galli – l’obiettivo politico dell’esecutivo e dell’assessorato al Bilancio è quello di riuscire a chiudere l’anno senza aumentare le tasse”. In particolare, il sindaco proseguirà il lavoro di riduzione di spese avviato dall’inizio del mandato, applicando delle riduzioni “sostenibili” concordate con i vari responsabili dei servizi. “Mentre nel 2011 – afferma l’assessore comunale al Bilancio, Giulio Detti - il Governo elargiva oltre 1,5 milioni di trasferimenti al Comune per mantenere i servizi, oggi, con gli ultimi tagli, siamo noi a dare oltre 500mila euro allo Stato per il suo sostentamento. E’ un federalismo distorto, che sarebbe dovuto essere corretto con la local tax. A noi mancano oltre 2 milioni l’anno e riuscire a chiudere il bilancio in pareggio senza aumentare le tasse in questo scenario sarà una grande impresa ma ci proveremo con tutte le nostre forze. A peggiorare la situazione c’è anche l’armonizzazione dei sistemi contabili che comporta una manovra aggiuntiva sui comuni di oltre 2 miliardi. In pratica – continua Detti - con il nuovo sistema contabile occorre verificare i residui attivi, cioè le entrate ascritte a bilancio ma effettivamente mai riscosse, creando un fondo a garanzia. Come certificato dalle verifiche della Corte dei conti, abbiamo lavorato con lungimiranza per ridurre questi residui negli anni e ciò rende sostenibile l’attuale manovra. Infine, anche per quanto riguarda il patto di stabilità – conclude l’assessore Detti - grazie al pareggio di parte corrente, ottenuto sin dal 2012 e a una gestione intelligente del flusso contabile, riusciamo ogni anno a investire tutte le risorse in cassa nella realizzazione delle opere pubbliche”.

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    117