Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

Assenza in Consiglio della Bruni, le precisazioni di Galli

In riferimento alle dichiarazioni del consigliere Valeria Bruni rilasciate alla stampa, sull’assenza giustificata al Consiglio comunale di ieri, nelle quali esprimeva che “se avesse potuto partecipare lo avrebbe fatto con qualche mal di pancia perché qualcosa che non va in realtà c’è”, il sindaco di Manciano Marco Galli tiene a sottolineare quanto segue. “Il consigliere Bruni – spiega il sindaco Galli – è da settembre che non partecipa più alle riunioni di partito, che non prende parte alle riunioni per esprimere il suo punto di vista e quindi confrontarsi. Nonostante avesse avuto tutto il materiale necessario sul bilancio per tempo, il consigliere Bruni non ha mai avanzato proposte o eventuali obiezioni. Se qualcosa non fosse andato – conclude il sindaco – come la Bruni ha dichiarato, avrebbe dovuto dirlo nelle sedi opportune, per esempio in Consiglio e non alla stampa. Sono comunque disponibile a qualsiasi chiarimento, sempre che Bruni lo voglia”.

 

Bilancio di previsione, nessun aumento della pressione tributaria

Nel consiglio comunale di oggi è stato approvato il bilancio di previsione 2015 del Comune di Manciano. “I pesanti tagli effettuati dal Governo – spiega l’assessore al Bilancio, Giulio Detti - con l’approvazione della legge di stabilità del 2015, hanno reso molto complicato il lavoro di predisposizione del bilancio di previsione. La nostra amministrazione, riducendo le spese correnti e di personale, grazie anche a una virtuosa operazione sui residui è riuscita a evitare pesanti manovre tributarie. Negli ultimi anni, infatti, i trasferimenti statali a beneficio del nostro ente si sono ridotti in maniera consistente, fino ad arrivare nel 2014 a un sistema per cui sono più le risorse del gettito delle tasse locali (Imu categoria D) che vanno al governo centrale, rispetto ai trasferimenti statali messi a disposizione del Comune”. “Purtroppo questo bilancio – afferma il sindaco di Manciano, Marco Galli - è stato approvato in seconda convocazione vista l’assenza giustificata di tre membri di maggioranza. L’obiettivo politico della nostra amministrazione, era quello di riuscire a chiudere il bilancio senza aumentare la pressione tributaria: obiettivo centrato. L’operazione di revisione della spesa corrente, effettuata dall’esecutivo, è stata continua. Mi sento di fare un appello a tutta la maggioranza consiliare per un maggiore senso di responsabilità che tutti dobbiamo avere, soprattutto nei confronti dell’elettorato”. “Nessuna aliquota tributaria – continua l’assessore Detti - verrà aumentata (in teoria si potrebbe agire sullo 0.8 della Tasi e sullo 0.1 dell’Irpef) e verranno confermate tutte le agevolazioni tariffarie sui servizi scolastici e sul sociale. Inoltre, abbiamo chiuso un consuntivo con un importante avanzo di amministrazione - conclude Detti – di cui 190mila euro spendibili in opere pubbliche, grazie a un’intelligente gestione del patto di stabilità che mette il nostro ente nelle condizioni di investire”.

“La guerra di Liberazione e il territorio di Manciano” in un libro con foto e documenti inediti

Domani pomeriggio (28 aprile), alle ore 16, alla biblioteca comunale “A. Morvidi” di Manciano, Daniele Pratesi, Lucio Niccolai e Franco Dominici presenteranno il volume “La guerra di Liberazione e il territorio di Manciano”, edito dalla sezione locale Anpi, con il contributo dell’amministrazione comunale di Manciano. Il volume, pubblicato in occasione del Settantesimo del 25 aprile, presenta la cronologia, elaborata da Franco Dominici, degli avvenimenti che interessarono il territorio tra il settembre del 1943 e il giugno del 1944 ed è corredato da documenti e immagini in parte inedite. La distribuzione del volume è gratuita. 

 

Giornata del 25 aprile a Manciano

 

Si sono concluse le celebrazioni per il Settantesimo anniversario della Liberazione a Manciano, il comune più meridionale della provincia di Grosseto, il primo a essere liberato dagli americani, entrati in paese il 12 giugno del 1944. L’amministrazione comunale, in collaborazione con la sezione locale Anpi e con la partecipazione di tanti cittadini, ha reso omaggio alle tombe, circa cinquanta, dei caduti nella Resistenza e dei partigiani. Per ogni tomba è stato deposto un fiore e tracciato un breve ricordo del partigiano combattente o del patriota resistente, del martire giovanissimo o del renitente alla leva catturato, torturato e ucciso dai nazifascisti. Un vero e proprio percorso della memoria che ha anticipato la manifestazione del pomeriggio, quando, al cinema Moderno di Manciano circa 200 persone, tra familiari e cittadini, si sono riunite per la cerimonia di consegna degli attestati dedicati ai partigiani e ai caduti nella lotta di Liberazione. La manifestazione si è aperta con il canto corale di “Bella ciao”, sono poi intervenuti il rappresentante dell’Anpi provinciale Giuseppe Corlito, che ha parlato del significato del Settantesimo del 25 aprile e il sindaco Marco Galli che ha consegnato ai partigiani presenti e ai loro familiari un centinaio di attestati di riconoscenza per il contributo offerto alla Liberazione, con la lotta partigiana o con la resistenza morale, culturale e civile all’oppressione nazifascista. A tutti gli intervenuti è stato poi consegnato un volume stampato a cura dell’Anpi di Manciano, che ricostruisce le tappe fondamentali della Resistenza nel territorio. Significative le presenze dell’associazione “La Piccola Gerusalemme”, dell’amministrazione comunale di Castell’Azzara e dell’Anpi di Pitigliano e di Roccalbegna. Numerosi i parenti dei partigiani venuti anche da lontano per partecipare a questa cerimonia come dalla Puglia la figlia del Maresciallo Zacchino, che durante la resistenza era il comandante dei carabinieri di Manciano riconosciuto partigiano combattente, i due figli, uno da Roma e uno da Firenze di Ubaldo Barbati, medico condotto che curò i partigiani feriti, e numerosissimi altri familiari provenienti da Pisa, Firenze, Grosseto, Viterbo e da tutto il territorio in cui operarono le formazioni poi confluite nel “Raggruppamento Amiata - VII gruppo Bande”, da Santa Fiora a Monticello, da Cana a Selvena, da Sorano a Castell’Azzara, da Pitigliano a Ischia di Castro. La manifestazione si è conclusa con i canti corali di “Fischia il vento” e di nuovo “Bella ciao”.   

A Manciano si fa ancora Resistenza

Continuano fino al primo maggio gli appuntamenti in programma a Manciano in occasione del settantesimo anniversario della liberazione d’Italia. Domani sera (29 aprile), alle ore 21, al Nuovo cinema Moderno, in programma “14 marzo 1944: venne il giorno della morte e della libertà. Parole e musica per i Caduti del monumento”, di Stella Morucci con Michele Santinelli e Stefania Buccioni. Giovedì 30 aprile, dalle ore 17, a piazzetta di Nello, via Torta, festa del tesseramento dell’associazione nazionale partigiani d’Italia: cantata resistente autogestita con merenda al tascapane. Venerdì 1 maggio in programma “Un mondo di fratelli di pace e di lavoro 2015”. Alle 8 tradizionale colazione del 1 maggio alla Camera del lavoro; alle ore 09.30 messa in san Leonardo; alle 10.15 raduno in piazza Garibaldi con la Filarmonica “G. Verdi” di Montemerano, a seguire piantumazione di una quercia in ricordo delle lotte per la libertà. Corteo e omaggio ai caduti della Prima e Seconda guerra mondiale. Alle 12 a Le Muretta pranzo del Tascapane. Nel pomeriggio, alle 16, concerto finale: Dixie, swing, amore & citrosodina con Michele Santinelli voce e sax; Simone Salvatore alla chitarra e Leonardo Ricci sousaphone.

Danni causati dal forte vento, arrivano i contributi

E’ stato stanziato dalla Regione Toscana un contributo straordinario per i cittadini che hanno subìto danni a causa del forte vento dello scorso 5 marzo. Il contributo, finalizzato al ripristino strutturale degli immobili destinati a prima abitazione e relative pertinenze, non potrà essere superiore a 5000 euro per nucleo familiare. Il contributo sarà riconosciuto ai nuclei familiari che hanno subìto danni ai propri immobili aventi un Isee non superiore ai 36mila euro e aventi un’abitazione abituale e stabile nel Comune di Manciano. Per richiedere il contributo, gli interessati dovranno presentare segnalazione del danno tramite autocertificazione e attestazione Isee riferita all’anno 2014. I cittadini in possesso dei requisiti potranno consegnare, al protocollo del Comune di Manciano, la richiesta di contributo completa entro il giorno 22 maggio 2015. L’attestazione Isee può essere acquisita al proprio Caf di riferimento o registrandosi al sito Inps. Sul sito internet del Comune di Manciano, www.comune.manciano.gr.it, è possibile scaricare il modello di richiesta di contributo straordinario di solidarietà. 

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    124