Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

Progetto “Caccia sicura”

Un progetto importante, quello presentato oggi, venerdì 28 dicembre, nella sala del Consiglio comunale di Manciano dal titolo "Caccia Sicura", sostenuto dal Comune di Manciano, dalla Misericordia di Manciano e da Asl Toscana Sud Est. Nato da un’idea del consigliere delegato comunale alla Sanità Luca Giorgi insieme al sindaco di Manciano Mirco Morini, "Caccia Sicura" è un progetto, il primo in Toscana e unico in Italia che si unisce a quello già esistente nel territorio mancianese “Comune Cardioprotetto” (ovvero la presenza sul territorio comunale di postazioni di defibrillazione opportunamente posizionate a disposizione di coloro che, in grado di riconoscere rapidamente un arresto cardiaco, di praticare una rianimazione cardiopolmonare e di utilizzare il defibrillatore, saranno in grado di salvare una vita). Grazie a “Caccia Sicura” sono stati consegnati stamattina ai cacciatori, che si sono formati tramite un corso certificato, i defibrillatori da utilizzare durante le battute di caccia al cinghiale. Questa iniziativa ha, infatti, come scopo quello di diffondere la cultura della cardio protezione tra i cacciatori di cinghiali, le cui battute sono generalmente fatte in luoghi impervi, difficili da raggiungere dai soccorsi, in caso di malore per arresto cardiaco. "Questo progetto - spiega il consigliere delegato comunale alla Sanità Luca Giorgi - mira ad ampliare il piano 'Comune Cardioprotetto'. La nostra amministrazione ha deciso di consegnare i defibrillatori ai cacciatori di cinghiale, dopo un accurato corso per imparare ad usarli, in quanto la caccia in Toscana è molto sentita e nel nostro comune è una delle maggiori attività hobbistiche, attività che spesso vengono praticate in posti impraticabili e difficili da raggiungere con i mezzi. Questo progetto va oltre la politica. È innovativo e il suo obbiettivo è la diffusione della sicurezza sanitaria in ambiente da caccia, ambiente che per molte ragioni, in caso di soccorso sanitario a persona, può mostrare situazioni difficoltose per raggiungere la persona colpita, in questo caso da arresto cardiaco, in tempi brevi”. “Sono venuta oggi a Manciano – afferma l’assessore regionale della Toscana alla Sanità Stefania Saccardi - con grande piacere e credo sia bello girare il territorio e vedere come compatibilmente con le difficoltà si cerchi di dare a tutti le stesse opportunità di salute e servizi di qualità. Dobbiamo tenere stretti i rapporti con le amministrazioni e in squadra cercare di capire come insieme possiamo migliorare. Solo da una collaborazione forte tra istituzioni e comunità è possibile trovare soluzioni a problemi sempre più complessi. Questa è un’iniziativa intelligente, dove la comunità ha collaborato con la Asl per dare un’opportunità in più di salute ai cittadini e a coloro, come i cacciatori, possono essere vittime di un evento acuto e con questi strumenti si può salvare la vita”. “Un arresto cardiaco in zone impervie può trasformare una giornata di spensieratezza con gli amici in un dramma - commento Simona Dei, direttore sanitario Asl Toscana sud est -. Il dono di oggi eviterà quel dramma, grazie alla generosità, all’impegno, alla solidarietà del Comune di Manciano e della Misericordia, attenta e responsabile”. “Diffondere la cultura del soccorso tra i cittadini - parla il sindaco di Manciano, Mirco Morini - è anche una prerogativa di un Comune, come il nostro peraltro, che lavora per mettere in rete il borgo di Manciano e le sue frazioni e per diffondere la cultura della cardio protezione, per senso civico e solidarietà”. Le sei squadre di caccia che sono state formate sono tutte operanti nel comune di Manciano. Ogni squadra ha visto la partecipazione di quattro membri formati all'uso del defibrillatore e alle manovre di primo soccorso e disostruzione. La formazione è stata eseguita presso la Misericordia di Manciano da parte del consigliere delegato alla Sanità del Comune di Manciano, Luca Giorgi, formatore regionale Blsd. “Prossimamente – conclude Giorgi - verrà ampliata la formazione all’utilizzo dei dispositivi salvavita all’interno di ogni squadra di cinghiale, al fine di avere una maggiore formazione di tutti i cacciatori. Vorrei ringraziare in modo particolare la Misericordia, per la disponibilità data e l’attività formativa svolta. La Misericordia è l’ente in cui lavoro da moltissimi anni, a cui sono molto legato e che mi ha dato tanto sotto il profilo professionale e formativo. Senza la Misericordia non avremmo mai potuto realizzare il progetto”. “Sessanta mila persone all’anno – conclude il direttore Deu 118 Asl Toscana sud est Massimo Mandò - muoiono per arresto cardiaco in Italia. Più defibrillatori sul territorio ci sono, più persone vengono salvate. Occorre diffondere la cultura della collaborazione con la centrale del 118, occorre parlare lo stesso linguaggio tra cittadini e operatori del soccorso, in modo da poter farsi capire nel momento del bisogno e poter intervenire recuperando tempo prima dell’arrivo dei soccorsi”.

 

 

Comunicato stampa congiunto con Asl Toscana Sud Est

Buoni servizio trasporto per le scuole dell’infanzia

Fino al 31 gennaio è possibile presentare domanda per il buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell’infanzia per l’anno scolastico 2017 – 2018. Possono presentare domanda le famiglie dei bambini che hanno frequentato le scuole dell’infanzia del territorio comunale nell’anno scolastico 2017 – 2018 e che risiedono al di fuori dei centri abitati sede della scuola frequentata, come delimitati ai sensi del vigente codice della strada. Il modulo di domanda può essere ritirato presso il servizio Pubblica istruzione del Comune (aperto il martedì dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 17, il giovedì e venerdì dalle 10 alle 12.30) o scaricato dal sito web del Comune www.comune.manciano.gr.it. Al modulo dovranno essere allegate: attestazione Isee del nucleo familiare, in corso di validità e relativa ai redditi 2017; una copia del documento di identità, non scaduto, del richiedente. Il buono sarà erogato moltiplicando il buono giornaliero spettante per i giorni effettivi di presenza a scuola. L’entità del buono giornaliero è calcolata come segue: una quota fissa uguale per ciascun utente: 0,70 euro; 0,20 euro per ciascun chilometro percorso dal genitore dell’utente per condurre quest’ultimo a scuola, ritornare alla propria abitazione, prelevare l’utente al termine delle lezioni e ritornare all’abitazione (quattro volte la distanza tra abitazione e plesso scolastico). Una quota riferita all’Isee del nucleo familiare così suddivisa: da € 0,00 ad € 1.000,00 quota di € 0,50; da € 1.000,01 ad € 2.000,00 quota di € 0,40; da € 2.000,01 ad € 3.000,00 quota di € 0,35; da € 3.000,01 ad € 5.000,00 quota di € 0,30; da € 5.000,01 ad € 7.000,00 quota di € 0,25; da € 7.000,01 ad € 10.000,00 quota di € 0,20; da € 10.000,01 ad € 18.000,00 quota di € 0,15. L’amministrazione comunale garantisce una copertura totale, per il presente avviso, di  10.115,57 euro. Dove, in base alle domande presentate, il fabbisogno risultasse superiore a tale somma, sarà operata una riduzione percentuale uguale per tutti in modo da non superare la somma stessa.

 

Premiazione racconti brevi “Manciano misteri in erba”

Sono stati premiati questa mattina, sabato 15 dicembre al Nuovo cinema di Manciano, gli studenti che hanno partecipato alla prima edizione del premio racconti brevi per le classi degli istituti superiori di Manciano, “Manciano misteri in erba”. Il primo premio (targa e 150 euro conferiti dal Comune di Manciano) è stato assegnato alla quinta classe del liceo scientifico con il racconto dal titolo “Effetto supernova”, il secondo premio (100 euro e una targa conferiti da Banca Tema) è stato assegnato alla quarta classe del liceo scientifico con il racconto dal titolo “Il punto croce” e il terzo premio (70 euro conferiti dall’istituto Zuccarelli di Sorano e una targa conferita dall’associazione Letteratura e Dintorni di Grosseto) è stato assegnato alla quarta classe dell’Istituto Iti con il racconto dal titolo “Per il ‘Tempo’ di una vacanza”. Gli altri racconti in gara sono: “I mostri della rocca” (terza classe Iti), “La seconda ondata” (terza classe liceo scientifico), Underwater (seconda classe Iti), “La mia vita in un cappello” (seconda classe del liceo scientifico) e “Le parole tatuate” (prima classe del liceo scientifico). “L’iniziativa – spiega lo scrittore Carlo Legaluppi presidente della giuria che ha esaminato i racconti e vice presidente dell’associazione Letteratura e Dintorni di Grosseto - patrocinata dal Comune di Manciano, Banca Tema e dall’associazione Letteratura e Dintorni di Grosseto ha dato l’opportunità agli studenti di raccontare una storia del genere gialli, thriller, horror, noir, ambientato nel territorio del comune di Manciano, con lo scopo di valorizzare l’attività di squadra e di gruppo, senza comunque trascurare le individualità di spicco. Hanno preso parte all’iniziativa otto classi su dieci dei due istituti superiori di Manciano, con la partecipazione quindi della quasi totalità degli studenti e l’impegno da parte   dei   loro   insegnanti, in   particolare, dei   professori   Giacomo   Riva   e   Rossella   Rosati”. La giuria che ha valutato tutti i racconti è stata composta da Laura Giorgi (scrittrice e poetessa), David Berti (scrittore e consigliere dell’associazione Letteratura e Dintorni), Sergio Pietretti (consigliere con delega alla Cultura per il Comune di Manciano), Francesca Micci (professoressa e rappresentante degli istituti superiori), Francesca Lotti (responsabile Biblioteca di Manciano), Maria Mecarozzi (rappresentante di Banca Tema). “E’ stata valutata dalla giuria – continua ancora lo scrittore Legaluppi – l’aderenza al tema e alle dimensioni stabilite, sintesi, originalità, brillantezza e innovazione nell’esposizione, capacità di creare suspense, collegamento con i luoghi del territorio, eventuali leggende locali e costruzioni letterarie frutto di fantasia e correttezza del testo”. Tutti i racconti saranno inseriti, a cura del Comune di Manciano, in una pubblicazione. Il ricavato della vendita sarà devoluto in beneficenza ad un’associazione del territorio mancianese impegnata nel sociale. “Una bella manifestazione - afferma il consigliere delegato alla Cultura del Comune di Manciano Sergio Pietretti - che abbiamo intenzione di portare avanti negli anni. Le classi hanno partecipato in maniera convinta e gli elaborati sono stati tutti piacevoli e ben scritti. Ringrazio la biblioteca comunale di Manciano per la collaborazione, Banca Tema sempre attenta e presente, l’associazione Letteratura e Dintorni di Grosseto, in particolare lo scrittore di origine mancianese Carlo Legaluppi per aver ideato questo premio insieme a noi”. “Questo importante progetto - spiega l’assessore all’Istruzione del Comune di Manciano Daniela Vignali - è stato fortemente voluto dall’amministrazione, in quanto ha dato l’opportunità agli studenti di esprimersi attraverso la scrittura. I ragazzi, supportati dal meraviglioso lavoro degli insegnanti, sono stati in grado di raccontare il territorio con un pizzico di fantasia”. Ad introdurre la premiazione, su iniziativa del Comune di Manciano, il noto attore e regista teatrale Giacomo Moscato che ha messo in scena il suo spettacolo comico “Delirio di un professore sadico”, dal quale è stato tratto anche un libro.

 

 

“Presepe in una stanza”

Gli utenti del centro diurno di Manciano “Gli interessanti” hanno realizzato un bellissimo presepe all’interno di una stanza dove prima c’era la pescheria, in via Marsala. I personaggi del presepe sono stati realizzati grazie al laboratorio di ceramica, manualità e pittura curato da Francesca Corsetti, Almudena Gotor Arellano e Gabriele Castegnaro. “Il presepe in una stanza” sarà inaugurato lunedì 17 dicembre alle ore 11 in via Marsala e sarà visitabile da giovedì 20 dicembre a domenica 6 gennaio. “Tutto questo è stato possibile – spiega la presidente della Consulta per il Sociale Cinzia Tomassoli – grazie a un lavoro di sinergia con gli operatori dell'associazione ‘Uscita di sicurezza’ Ilenia Zannoni e Massimiliano Barozzi e con la Consulta per il sociale. La Consulta per il sociale ringrazia Sergio Di Murtas per averci dato la stanza, la pro loco di Manciano per averci aiutati con la parte elettrica, la cava di Marsiliana e il Comitato dei bottai per il materiale. Gli operatori di ‘Uscita di sicurezza’ Ilenia e Massimiliano per essere stati presenti in maniera volontaria oltre al loro orario di lavoro e naturalmente Francesca Gabriele e Almudena senza i quali non avremmo potuto fare il presepe. Dopo l’inaugurazione seguirà un buffet al centro di aggregazione “La Pesa”.

Presepe di Marsiliana

Il tradizionale presepe di Marsiliana sta per essere ultimato e sarà inaugurato e benedetto domani sabato 15 dicembre alle ore 18.30 nella chiesa del paese Madonna Regina del Mondo. Anche quest’anno il presepe artigianale, realizzato dall’associazione Gruppo artistico Francesco Staiti, composta da circa 12 volontari, è ancora più grande e ricco. “La rappresentazione della natività – spiega il presidente dell’associazione Alessandro Laurenti – è grande 40 metri quadrati x 5 metri di altezza, all’interno della chiesa di Marsiliana. Le statue sono dipinte a mano e tutte le ambientazioni sono costruite per ricreare un’atmosfera quasi realistica. Grazie al Comune di Manciano che ci ha sostenuti economicamente e grazie al parroco don Stefano Angeloni. Preziosa la collaborazione con Avis e pro loco di Marsiliana”. Chiunque volesse lasciare un’offerta per la restaurazione della chiesa del paese Madonna Regina del Mondo potrà farlo mettendo una donazione nella cassetta posta proprio accanto al presepe”.

 

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    128