Alluvione, la conta dei danni arriva in Consiglio comunale

“Maggioranza e minoranza devono essere uniti per lavorare su un’azione comune dopo il drammatico episodio che ha colpito la nostra zona, l’alluvione del 14 ottobre dello scorso anno, che ha provocato due vittime e messo in ginocchio attività agricole e aziende private”. Parla il sindaco di Manciano, Marco Galli durante il primo consiglio comunale del 2015. “Sono preoccupato – continua il sindaco – visto che né dallo Stato, né dalla Regione abbiamo visto un centesimo dopo che abbiamo utilizzato oltre 200mila euro presi dalle casse comunali per porre rimedio alle massime urgenze post alluvione. Danni che ammontano ad oltre 8milioni di euro soprattutto per quanto riguarda la viabilità ma ad oggi nessuno si è fatto vivo. Ponti franati non ripristinati, strade dissestate che se non arrivano i soldi resteranno così. I costi per ricostruire la zona sono elevati e mi auguro che la magistratura faccia il corso e che si trovino le risorse per affrontare tutte le spese per rimettere in assetto le zone colpite dall’alluvione. Altro capitolo, affrontato dal sindaco Galli al Consiglio comunale è quello inerente alla tassa in scadenza dell’Imu. “Una tassa vergognosa – spiega Galli – soprattutto per tutti gli agricoltori che sono costretti a pagare un balzello del genere dopo le calamità naturali che hanno dovuto subire quest’anno. Io non ci sto a mettere le mani in tasca ai cittadini, lo Stato non può fare finta di nulla. Il nostro è un territorio martoriato su cui non deve pesare anche la tassa dell’Imu. Sono pronto scendere in piazza per manifestare a favore delle imprese e dei cittadini”.