Comune di Manciano ancora più cardioprotetto grazie ai defibrillatori donati dall’Asl

  • Stampa

Da oggi il territorio comunale di Manciano è ancora più cardioprotetto. Questa mattina l’Asl Toscana Sud Est ha consegnato al Comune di Manciano cinque defibrillatori (altri tre saranno consegnati a breve) che si aggiungono ad altri già acquistati dall’amministrazione grazie al sostegno di banca Tema. Nell’ambito del progetto nazionale “Comune cardioprotetto”, l’azienda sanitaria ha donato queste strumentazioni per garantire a tutto il vasto territorio comunale una copertura capillare salvavita. “Questa di oggi – spiega il delegato comunale alla Sanità, Luca Giorgi – è simbolicamente la costruzione di una base solida su cui poggiare tutto il nostro progetto sociosanitario. Un comune vasto come il nostro, dove alcune zone si trovano lontane dal capoluogo e dai presidi ospedalieri di zona devono avere garantiti i soccorsi. Queste strumentazioni accorciano le distanze.  Mettere a disposizione della cittadinanza, nei luoghi pubblici e strategici come nelle piazze, vicino alle scuole e vicino ai posti maggiormente frequentati i dispositivi Dae, significa rendere le frazioni autonome nella gestione del soccorso. L’obiettivo di questa amministrazione è quello di far diventare il territorio di Manciano il Comune più cardioprotetto. Ringraziamo l’Asl per la donazione e tutti i cittadini che stanno partecipando ai corsi sull’utilizzo dei defibrillatori”. “La nostra amministrazione è attenta ai bisogni primari dei cittadini – afferma il sindaco di Manciano, Mirco Morini – e la salute pubblica è il nostro primo pensiero. Ci impegniamo a dotare i nostri luoghi pubblici di ogni frazione di questi dispositivi salvavita. Molta partecipazione da parte dei cittadini ai corsi per imparare ad utilizzare i defibrillatori e questo significa che la nostra comunità risponde bene alle iniziative del Comune e ed è sensibile alle cause comuni”. In questa occasione sono stati consegnati gli attestati di abilitazione all’utilizzo dei Dae ai cittadini che hanno eseguito in questi giorni il corso di formazione per imparare ad utilizzarli. “Con grande piacere consegniamo questi defibrillatori al Comune di Manciano – afferma il direttore sanitario della Asl Toscana sud est, Simona Dei -  con questi strumenti siamo in grado di salvare la vita delle persone colpite da arresto cardiaco e permettere il massimo recupero funzionale. Il nostro impegno sul territorio continuerà grazie alla collaborazione del sindaco, dell’amministrazione e del volontariato, nell’interesse della salute e della sicurezza dei cittadini che abitano in questa vasta e bellissima zona della provincia grossetana”.  “Ringrazio l’amministrazione comunale e i cittadini che hanno frequentato il corso per imparare a utilizzare i defibrillatori – dichiara Massimo Mandò, direttore dipartimento Emergenza-Urgenza Asl Toscana sud est -. La defibrillazione, ormai è assodato, salva la vita, pertanto è necessario, specialmente nei centri abitati più lontani, che siano presenti strumenti come questi che in caso di arresto cardiaco fanno la differenza. Tra le patologie tempo-dipendenti, l’infarto è quella che concede minor tempo di intervento, si hanno infatti 5 minuti al massimo dall’inizio dell’arresto per iniziare il soccorso. E’ di vitale importanza pertanto avere a disposizioni i defibrillatori per intervenire subito sul posto”.