Sport e disabilità: atleti non si nasce, si diventa

  • Stampa

“Atleti non si nasce, si diventa. L’abilità che vince” è questo il messaggio che Consulta per il Sociale e Consulta giovani di Manciano, associazione italiana persone Down di Grosseto e Comune di Manciano vogliono trasmettere a tutta la comunità durante una giornata dedicata allo sport e alla disabilità. Sabato 3 febbraio, alle ore 16, al palazzetto dello sport di Manciano, alla presenza del consigliere allo Sport del Comune di Manciano Roberto Bulgarini, sarà presentato il libro dal titolo “La letterina di Natale” di Otma edizioni a cura dell’autrice Marinella Calacaterra, si tratta dell’autobiografia di una mamma con un figlio con sindrome di Down che, nel raccontare il proprio vissuto, intreccia la forza delle emozioni, il peso dei sacrifici e le speranze che, a dispetto di tutte le difficoltà, nascono da uno sguardo ottimista sul futuro. Si esibiranno le associazioni sportive Ginnastica mancianese, Fit’n dance academy e Happy Time e il campione del mondo alle parallele e campione italiano di ginnastica artistica Riccardo Maino. “Vi aspettiamo – spiega l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Manciano, Valeria Bruni – per dimostrare che tutti ce la possiamo fare. Impegno, passione, sacrificio e volontà permettono ad ognuno di noi di farcela e lo sport aiuta a conoscere i propri punti deboli e i punti di forza. Ringrazio le associazioni della ginnastica che hanno collaborato a questa iniziativa e le Consulte che stanno facendo un gran lavoro. La disabilità e la diversità spesso fanno raggiungere obiettivi dove la normalità non riesce”.