Nasce un centro di aggregazione per giovani

La Consulta giovani di Manciano e la Consulta per il sociale hanno sviluppato un progetto per creare, all’interno dell’ex mattatoio in via Circonvallazione sud, un centro di aggregazione per i giovani. Lo scopo del progetto è realizzare un luogo dove generazioni diverse possano incontrarsi, confrontarsi e integrare le proprie conoscenze ed esperienze. Per fare questo i volontari delle consulte chiamano a rapporto la cittadinanza. “Stiamo cercando attrezzi e mobili – spiegano la presidente della Consulta giovani di Manciano, Beatrice Lombardi e la presidente della Consulta per il sociale, Cinzia Tomassoli – per creare uno spazio condiviso, aperto a tutti. Vorremmo costruire una piccola officina, un laboratorio artigianale, una sala prove, una sala disegno e scrittura, un’area informatica e un’area wi-fi gratuito. Per realizzare tutto questo – continuano – cerchiamo donatori di tavoli ordinari e tavoli da disegno, attrezzi, fogli, penne, carta”. Le consulte, così, hanno lanciato l’appello “Hai qualcosa da buttare? Faccelo riusare!” affinché le cose in disuso possano avere una nuova vita importante per il paese. Per questo, è possibile contattare gli organizzatori al 329-6221089 e il 366-4400946. “Sono orgoglioso – spiega l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Manciano, Andrea Teti - e soddisfatto dello spirito con cui la Consulta dei giovani e quella del sociale collaborino tra loro. Questa iniziativa è stata concepita e costruita sulla base di un principio virtuoso, per noi molto importante, legato al concetto del riuso. Il riuso è la vera alternativa alla pratica dell’usa e getta. In controtendenza all’abitudine, sempre più diffusa, di disfarsi di ciò che è vecchio o ingombrante, anche quando può essere recuperato o semplicemente rimesso in circolazione. Seguendo questo principio intendiamo arredare e rendere più accogliente il centro d’aggregazione, individuato nello stabile dell’ex mattatoio, a cui stiamo lavorando. In cantiere ci sono molti progetti interessanti e alcuni di essi sono pronti a partire come lo sportello a disposizione per le vittime di violenza con l’ausilio di una psicologa, un appoggio/magazzino per il progetto della mensa sociale, laboratori d’artigianato, uno spazio aperto a tutti, dedicato alla realizzazione dell’allestimento per gli eventi locali, corsi dedicati ai giovani e agli anziani. I più giovani, per esempio, - continua Teti - aiuteranno gli anziani a prendere confidenza con le nuove tecnologie. Insomma, c’è molto lavoro da fare. E per portarlo a termine c’è bisogno dell’aiuto di tutti. L’obiettivo è quello di valorizzare l’associazionismo e il volontariato locale, fare rete tra le istituzioni e le associazioni, creare interscambio tra generazioni diverse e restituire uno spazio come quello dell’ex mattatoio alla comunità come valore aggiunto e offrire nuove opportunità. Le porte sono aperte a tutti e le consulte faranno da ponte tra il tessuto associativo locale e l’amministrazione, oltre ad occuparsi della logistica e dell’organizzazione generale delle attività che si svolgeranno nell’ex mattatoio. Terminato l’allestimento – conclude l’assessore Teti - procederemo con l’inaugurazione e la presentazione delle varie progettualità”.