A fronte dell’emergenza COVID-19, il Comune di Manciano ha aperto un conto corrente ove poter effettuare le donazioni. 

 

Di seguito il codice Iban:

IT94 E030 6972 2821 0000 0300 004

 

 

Rifiuti, un convegno sui danni alla salute, all’ambiente e alle tasche dei cittadini

E’ stato presentato questa mattina il programma del convegno dal titolo “Come gestire i rifiuti: per tutelare le tasche dei cittadini, la loro salute e l’ambiente in cui vivono”, in programma sabato 27 giugno, dalle ore 9.30 al cinema Moderno di Manciano. L’incontro, organizzato dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Manciano e dall’Isde, con il patrocinio del Comune di Orbetello, Comune di Isola del Giglio e Comune di Capalbio, è stato pensato per affrontare il tema dei rifiuti ambientali e la loro gestione nella provincia di Grosseto. “Il nostro Comune – afferma il sindaco di Manciano Marco, Galli – è sempre in prima linea su questo tema che coinvolge in prima persona tutti i cittadini. Da tempo, ormai, portiamo avanti la battaglia su quello che non ci convince, come le tariffe alte e la gestione dei rifiuti nel nostro territorio. Per questo, il convegno di sabato è un momento importante e un’occasione di confronto, per tutta la cittadinanza. “A distanza di pochi giorni dalla giornata organizzata a Manciano per spiegare ai cittadini come si svolge l’attuale gestione dei rifiuti nel nostro comune – spiega l’assessore all’Ambiente del Comune di Manciano, Antonio Camillo – l’amministrazione comunale, in collaborazione con Isde, Medici per l’ambiente, organizza questo nuovo incontro-dibattito, in cui cercheremo di abbracciare tutte le tematiche legate all’argomento: dai danni alla salute provocati dall’incenerimento dei rifiuti, alla gestione economicamente e socialmente virtuosa degli stessi. E’ nostra intenzione continuare a proporre all’autorità di Ambito, che governa la gestione del rifiuto sulle province di Grosseto, Arezzo e Siena, una strada  alternativa a quella attuale, che porti, nel medio periodo, a risultati concreti anche in termini di contenimento della tariffa. In questo percorso è indispensabile la presa di coscienza e l’aiuto di tutta la cittadinanza. Entro il mese di luglio - conclude Camillo - avvieremo nel nostro Comune una campagna informativa porta a porta del lavoro che stiamo facendo e del corretto utilizzo degli strumenti che abbiamo attualmente per contenere il conferimento del rifiuto indifferenziato”. Dal punto di vista tecnico, il referente del Forum ambientalista della Provincia di Grosseto, Roberto Barocci spiega che: “attraverso il confronto tra i dati certificati dalla Agenzia regionale recupero risorse (Arrr) e dall’Istituto superiore per la protezione dell’ambiente (Ispra) e quelli previsti dalla programmazione ufficiale sulla gestione dei rifiuti urbani (Piani del 2002, 2006 e 2013), è dimostrabile un grave errore, ripetuto nel tempo e pertanto consapevole, di pianificazione pubblica, che ha portato all’eccesso di dimensionamento degli impianti a danno della collettività, con costanti incrementi futuri di costo del servizio, svelando un conflitto di interessi molto preoccupante tra amministratori pubblici e soggetti privati, proprietari degli impianti di incenerimento”. Durante la presentazione del convegno anche Eva Bonini, consigliera di minoranza del Comune di Magliano ha riportato l’esperienza del suo assessorato all’Ambiente: “La mia politica è stata quella di intraprendere la strada dei rifiuti zero, di non aumentare i costi per i cittadini e di fare una raccolta indifferenziata vera e senza sprechi. Il Comune di Magliano, quando ero assessore ce l’ha fatta a perseguire tutti gli obiettivi e a portare in 5 anni la raccolta differenziata dal 6 al 78 per cento”. “In tutto il mondo – conclude il presidente Medici per l’ambiente Isde Ugo Corrieri - le evidenze scientifiche dimostrano che il trattamento dei rifiuti con inceneritori e discariche determina aumento di tumori e di malattie degenerative non solo negli adulti e anziani, ma anche nei bambini e addirittura danni al feto durante la gravidanza. Isde Italia si impegna a diffondere la ‘politica delle R’ ovvero: riduzione della produzione dei rifiuti, raccolta differenziata, riciclo, riuso, riparazione e responsabilizzazione dei cittadini e delle istituzioni”.

 

 

Programma

Ore 9.50: “Incenerimento dei rifiuti e conseguenze per la salute” con Ugo Corrieri, Presidente Medici per l’Ambiente-ISDE Provincia di Grosseto.

Ore 10.20: “Una programmazione sbagliata in quantità e qualità produce e produrrà aumenti dei costi e riduzione di occupazione” con Roberto Barocci, Forum Ambientalista Provincia di Grosseto.

Ore 10.50: “Un possibile scenario alternativo all’attuale sistema di gestione dei rifiuti della Provincia di Grosseto” con Francesco Martino, ingegnere esperto in tema di rifiuti.

Ore 11.50: “L’attuale gestione dei rifiuti dell’Ato Toscana Sud e le nostre proposte di cambiamento” con gli interventi degli amministratori dei Comuni.

A seguire dibattito e conclusioni.