Bilancio di previsione, nessun aumento della pressione tributaria

Nel consiglio comunale di oggi è stato approvato il bilancio di previsione 2015 del Comune di Manciano. “I pesanti tagli effettuati dal Governo – spiega l’assessore al Bilancio, Giulio Detti - con l’approvazione della legge di stabilità del 2015, hanno reso molto complicato il lavoro di predisposizione del bilancio di previsione. La nostra amministrazione, riducendo le spese correnti e di personale, grazie anche a una virtuosa operazione sui residui è riuscita a evitare pesanti manovre tributarie. Negli ultimi anni, infatti, i trasferimenti statali a beneficio del nostro ente si sono ridotti in maniera consistente, fino ad arrivare nel 2014 a un sistema per cui sono più le risorse del gettito delle tasse locali (Imu categoria D) che vanno al governo centrale, rispetto ai trasferimenti statali messi a disposizione del Comune”. “Purtroppo questo bilancio – afferma il sindaco di Manciano, Marco Galli - è stato approvato in seconda convocazione vista l’assenza giustificata di tre membri di maggioranza. L’obiettivo politico della nostra amministrazione, era quello di riuscire a chiudere il bilancio senza aumentare la pressione tributaria: obiettivo centrato. L’operazione di revisione della spesa corrente, effettuata dall’esecutivo, è stata continua. Mi sento di fare un appello a tutta la maggioranza consiliare per un maggiore senso di responsabilità che tutti dobbiamo avere, soprattutto nei confronti dell’elettorato”. “Nessuna aliquota tributaria – continua l’assessore Detti - verrà aumentata (in teoria si potrebbe agire sullo 0.8 della Tasi e sullo 0.1 dell’Irpef) e verranno confermate tutte le agevolazioni tariffarie sui servizi scolastici e sul sociale. Inoltre, abbiamo chiuso un consuntivo con un importante avanzo di amministrazione - conclude Detti – di cui 190mila euro spendibili in opere pubbliche, grazie a un’intelligente gestione del patto di stabilità che mette il nostro ente nelle condizioni di investire”.