ࡱ> |q`bjbjqPqP::'rrrr>X>X>X8vX4XL2YY(YYYY[s[ [KKKKKKK$MhSPj Li]7["Y[]] LrrYY_sLCCC]@r8YYKC]KCCIh|JYY v>X@;JJ L0L$JXP.BP |JP|J\[L[6C \,5\[[[ L L(Cj[[[L]]]]dO:U:Urrrrrr  COMUNE DI MANCIANO - Provincia di Grosseto -  REGOLAMENTO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l'applicazione nel Comune di Manciano (GR) della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni sulla base delle disposizioni contenute nel Capo III del decreto legislativo n 507 del 15.11.1993 di seguito indicato come "decreto 507 e successive modificazioni. TITOLO I ELEMENTI DEL TRIBUTO Art. 2 ZONE DI APPLICAZIONE (59.2,5 - 79.3) 1. L'applicazione della tassa nellasua interezza limitata alla zona del territoria comunale (centroabitato, frazioni, nuclei abitati, centri commerciali e produttivi integrati) ed agli insediamenti sparsi attualmente serviti nonch agli altri ai quali esteso il regime di privativa dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed equiparati, individuati dall'art. 26 del regolamento del servizio di nettezza urbana e della delibera consiliare n. 66 del 30.09.1995 e delle planimetrie ivi allegate che si riproducono in calce. 2. Nelle altre zone ove non effettuata la raccolta dei rifiuti solidi urbani interni il regime di privativa, la tassa dovuta a partire dal 1 gennaio 1996 nellemisure ridotte stabilita dal successivo art.3,comma 3, rispettose del limite del 40% della tariffa intera previsto dall'art. 59, comm 2, del decreto 507. 3. Nelle zone esterne al centro abitato in cui lo svolgimento del normale servizio di raccolt dei rifiuti internied equiparati sia limitato con apposita delibera a determinati periodi stagionali il tributo dovuto in proporzione al periodo di esercizio del servizio, fermo restando quanto previsto nel 3 comma del successivo art. 3. Art. 3 PRESUPPOSTO DELLA TASSA (62.1) 1. La tassa dovuta per l'occupazione e la detenzione di locali ed aree scoperte, qualsiasi uso adibiti, ad eslusione delle aree scoperte pertinenziali od accessorie di civili abitazioni, diverse dalle aree a verde, esistenti nelle zone delterritorio comunale ove il servizio istituito ed attivato o comunque reso in via continuativa ai sensi del precedente art. 2, comma 1 2. 2. Per l'abitazione colonica o gli altri fabbricati con area scoperta di pertinenza, la tassa dovuta per intero anche quando nella zona in cui attivata la raccolta dei rifiuti situata soltanto la strada di accesso all'area di pertinenza dell'abitazione o del fabbricato. 3. Nelle zone di cui all'art. 2, secondo comma, nella quale non effettuata la raccolta in regime di privativa gli occupanti ed i detentori degli insediamenti sono tenuti a conferire i rifiuti urbani interni ed equiparati nei contenitori viciniori ed a corrispondere la tassa in misura ridotta delle percentuali seguenti sulla tariffa ordinaria a seconda della distanza su strada carrozzabile dal pi vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata e di fatto servita (59.2 e 3): Entit della riduzione Distanza da contenitore pi vicino 50% oltre i 100 mt. 4. Ricorrendo i presupposti per l'applicazione delle riduzioni previste nei successivi artt. 13 e 16 consentito il cumulo con quelle di cui al comma precedente nel limite massimo complessivo all'80% della tariffa ordinaria. Art. 4 ESCLUSIONI (62.2,3,5) 1. Non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che risultino in obiettive condizioni di inutilizzabilit, anche pee circostanze sopravvenute nel corso dell'anno indicate nella denuncia originaria, di variazione o di cessazione, con allegata idonea documentazione qualora non siano obiettivamente riscontrabili. 2. Non sono soggetti alla tassa: - i locali e le aree che per loro natura o per l'uso al quale sono stabilmente destinati non possono produrre rifiuti; - i locali e le aree scoperte per i quali non sussiste l'obbligo dell'originario conferimento dei rifiuti al servizio svolto in regime di privativa ove ricorrano le fattispecie contemplate dall'art. 62, comma 5, del decreto 507. - i locali adibiti a sedi, uffici e servizi comunali o a servizi per i quali il Comune sia tenuto a sostenere la relativa spesa di funzionamento. o locali e le aree scoperte adibite ad edifici scolastici pubblici e privati limitatamente alla scuola dell'obbligo. i locali e le aree che per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione producono rifiuti speciali, tossici e nocivi che devono essere smaltiti a cura e a spesa degli occupanti o detentori. le aree scoperte pertinenziali o accessorie di civili abitazioni diverse dalle aree a verde. le aree scoperte adibite a verde, qualunque sia la loro estensione. 3. Nel computo della superficie tassabile non si tiene conto della parte di essa ove si formano di regola i rifiuti speciali non assimilati ai rifiuti urbani, nonch i rifiuti tossici e nocivi. 4. Nel caso in cui per particolari caratteristiche e modalit disvolgimento dell'attivit non siapossibile definire oggettivamente la parte di superficie ove si formano di regola rifiuti speciali, tossici e nocivi, la superficie tassabile quella interamente utilizzata per lo svolgimento delle attivit, ridotta delle seguenti percentuali in relazione alla categoria di appartenenza: categoria riduzione - attivit artiganale 40% attivit commerciale 40% attivit industriale 40% Art. 5 SOGGETTI PASSIVI (63.1) La tassa dovuta da chiunque a qualsiasi titolo (propriet, usufrutto,comodato, locazione, ecc.) occupi, detenga o conduca locali ed aree scoperte di cui al precedente art. 3, con vincolo di solidariet tra i componenti del nucleo familiare o tr coloro che ne fanno uso permamente in comune. Art. 6 PARTI COMUNI ALLEDIFICIO (63.2) 1.Le parti di uso comune del fabbricato, quali lastrici solari, scale, portoni di ingresso,vestiboli,anditi, portici, cortili, lavanderie, stenditoi, garages, aree verdi ed altre parti comuni suscettibili di produrre rifiuti, sono esclusi dalla tassazione. Resta ferma l'obbligazione di coloro che occupanp o detengono parti comuni dell'edificio in via esclusiva. Art. 7 LOCALI IN MULTIPROPRIETA (63.3 64.2) 1. Per gli alloggi, i locali ed i centri commerciali in multipropriet, il soggetto che gestisce i servizi comuni il responsabile, dal 1 gennaio 1997, del versamento della tassa dovuta per i local ed aree scoperte di uso comune nonch per i locali ed aree scoperte in uso esclusivo ai singoli occupanti e detentori i quali mantengono ogni altro obbligo o diritto derivante dal rapporto tributario attinente ai locali ed alle aree in uso esclusivo. 2. Il soggetto responsabile di cui al comma precedente tenuto a presentare all'ufficio tributario del Comune, entro il 20 gennaio di ogni anno, l'elenco degli occupanti o detentori dell'edificio in multipropriet odel centro commerciale integrato. Art. 8 LOCALI TASSABILI 1. Si considerano locali tassabili tutti i vani comunque denominati,esistenti in qualsiasi specie di costruzione stabilmente infissa o semplicemente posata sul suolo o galleggiante se collegata in via permanente con la terraferma, chiusi o chiudibili da ogni lato verso l'esterno, qualunque ne sia la destinazione o l'uso, ad eccezione di quella parte ove si formano, di regola, i rifiuti speciali non assimilati, tossici o nocivi. 2. Sono in ogni caso da considerarsi tassabili le superfici utili di: a - tutti i vani all'interno delle abitazioni, sia principali (camere,sale, cucine,ecc.) che accessori (ingressi interni all'abitazione, corridoi,anticamere, ripostigli,bagni, gabinetti, ecc.), come pure quelli delle dipendenze anche se interrate o separate rispetto al corpo principale del fabbricato (rimesse, autorimesse, fondi, serre, ecc.) escluse le stalle, fienili e le serre a terra e ogni altro locale che per sua natura non produca nessun rifiuto. b - tutti i vani principali ed accessori adibiti a studi professionali ed all'esercizio di arti e professioni; c -tutti i vani principali ed accessori adibiti ad esercizio di alberghi (compresi quelli diurni ed i bagni pubblici), locande,ristoranti,trattorie,collegi, pensioni, caserme, case de pena, osterie, bar, caff, pasticcerie, nonch i negozi ed i locali comunque a disposizion di aziende commerciali, comprese edicole, chioschi stabili o posteggi nei mercati coperti e le superfici occupate dalle cabine telefoniche aperte al pubblico; d tutti i vani principali ed accessori adibiti a circoli da ballo e da divertimento, sale da gioco o da ballo o ad altri esercizi pubblici sottoposti a vigilanza di pubblica sicurezza, ivi comprese le superfici all'aperto utilizzate sia direttamente per tali attivit che per la sosta del ubblico interessato a prendere parte e/o ad assistere allo svolgimento dello spettacolo o dell'attivit; e - tuttii vani(uffici, salescolastiche,biblioteche, anticamere,sale d'aspetto, parlatoi, dormitori,refettori,lavatoi,,ripostigli,dispense,bagni, gabinetti, ecc.)dei collegi,convitti,istituti dieducazione privati e della collettivit in genere; f - tutti i vani, accessori e pertinenze, nonch la superficie all'aperto finalizzata alla sosta del pubblico, senza nessuna esclusione, in uso o detenuti da enti pubblici - comprese le unit sanitarie locali dalle associazioni culturali,politiche, sportive, ricreative anche a carattere popolare, da organizzazioni sindacali, enti di patronato nonch dalle stazioni di qualsiasi genere; g - tutti i vani principali, accessori e pertinenze,nonch le superfici all'aperto finalizzate alle soste del pubblico,degli automezzi o depositi di materiali, destinati ad attivit produttive industriali, agricole (compresele serre fisse al suolo),artigianali, commerciali e di servizi, ivi comprese le sedi degli organi amministrativi, uffici, depositi, magazzini, ecc.; h - tutti i vani principali, accessori e pertinenze, nonch le superfici all'aperto destinate alle soste del pubblico, degli impianti sportivi coperti escluse le superfici destinate all'esercizio effettivo dello sport. Art. 9 AREE TASSABILI. Si considerano aree tassabili: tutte le superfici scoperte o parzialmente coperte destinate a campeggi, a sale da ballo all'aperto, a banchi di vendita nonchalle relativeattivit e servizi complementari connessi; tutte le superfici adibite a sede di distributori di carburanti e ai relativi accessori fissi, compresi quelli relativi a servizi complementari (servizi igienici, punti di vendita, area adibita a lavaggio autoveicoli, ecc.) nonch l'area scoperta visibilmente destinata a servizio degli impianti, compresa quella costituente gli accessi ele uscite da e sulla pubblica via; le aree scoperte o parzialmente coperte degli impianti sportivi destinate ai servizi e quelle per gli spettatori, escluse le aree sulle quali si verifica l'esercizio effettivo dello sport; qualsiasi altra area scoperta o parzialmente coperta, anche se appartenenti al demanio pubblico o al patrimonio indisponibile dello Stato o degli altri enti pubblici territoriali, se adibite agli usi indicati nel presente articolo o ad altri usi privati, suscettibili di generare rifiuti solidi urbani interni e/o speciali assimilati. Art. 10 LOCALI ED AREE DESTINATE AD ATTIVITA STAGIONALI. 1. Per le aree ed i locali diversi dalle abitazioni, adibiti ad uso stagionale per un periodo inferiore a 6 mesi l'anno o ad uso non continuativo ma ricorrente, la tariffa unitaria ridotta di 1/3. 2. La predetta riduzione compete soltanto quando l'uso stagionale o non continuativo ma ricorrente risulti dalla licenzao o dall'autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l'esercizio dell'attivit. 3. La riduzione applicata a condizione che il contribuente, nella denuncia originaria, integrativa odi variazione,indichi espressamente la ricorrenza del presupposto per l'agevolazione unitamente ai dati relativi alla licenza o autorizzazione in suo possesso. 4. Nel caso di denuncia integrativa o di variazione, la riduzione applicata dall'anno successivo. 5. L'Ufficio tributi comunque tenuto a verificare se l'attivit effettivamente svolta corrisponde, per qualit e durata, a quella indicata nella licenza o autorizzazione. Art. 11 LOCALI ED AREE NON UTILIZZATE. La tassa dovuta anche se il locale e le aree non vengono utilizzate purch risultino predisposte all'uso. 2. I locali per abitazione si considerano predisposti all'utilizzazione se dotati di arredamento. 3. I locali e le aree a diversa destinazione si considerano prediposte all'uso se dotati di arredamento,di impianti,attrezzaturee,comunque, quando risulti rilasciata licenza oautorizzazione per l'esercizio di attivit nei locali ed aree medesimi. Art. 12 DEDUZIONI (66) Soppresso con delibera C.C. n. 11 del 26 aprile 2007. Art. 13 RIDUZIONI DI TARIFFA (66.3 e 4: facoltativo) A partire dal 1 gennaio 1996 le tariffe unitarie si applicano in misura ridotta nei seguenti casi: riduzione (massimo 1/3 della tariffa) a abitazioni con unico occupante residente. 33% Art. 13 bis AGEVOLAZIONI PARTICOLARI A partire dal 1 gennaio 2010 la tariffa unitaria, per le abitazioni con un unico occupante e con un Reddito ISEE non superiore ad . 8.000,00-, viene ridotta in misura pari al 50%. TITOLO II TARIFFAZIONE Art. 14 OBBLIGAZIONE TRIBUTARIA. 1. La tassa corrisposta in base alle tariffe di cui agli articoli successivi, commisurata ad anno solare,cui corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria. 2. L'obbligazione decorre dal primo giorno del bimestre solare successivo a quello in cui ha avuto inizio l'utenza e termina nell'ultimo giorno del bimestre solare nel corso del quale presentata la denuncia di cessazione debitamente accertata. 3. La cessazione nel corso dell'anno d diritto all'abbuono del tributo a decorrere dal primo giorno del bimestre solare successivo a quello in cui stata presentata la denuncia accertata. 4. In caso di mancata o ritardata denuncia di cessazione, l'obbligazione tributaria non si protrae alle annualit successive: quando l'utente che ha prodotto la ritardata denuncia di cessazione dimostri di non aver continuato l'occupazione o la locazione delle aree e dei locali oltre alla data indicata; in carenza di tale dimostrazione, dalla data in cui sia sorta altra obbligazione tributaria per denuncia dell'utente subentrato o per azione di recupero d'ufficio. Art. 15 ESENZIONI E RIDUZIONI. Sono esenti dal tributo (67.1) 1. gli edifici adibiti in via permanente all'esercizio di qualsiasi culto, escluse, in ogni caso,le eventuali abitazioni del ministro di culto; 2. le abitazioni occupate da nuclei familiari composte esclusivamente da pensionati con reddito complessivo individuale, al netto dellabitazione principale e relativa pertinenza cos come definita dallart 5 del Regolamento Comunale per lapplicazione dellImposta Comunale sugli Immobili, non superiore al trattamento minimo annuo del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte limporto di pensione in vigore al 1 gennaio di ogni anno. 3.i locali condotti da Istituti di beneficenza e umanitari (A.V.I.S., Misercordia, ecc. i locali destinati alla raccolta e deposito dei libri di biblioteche aperte gratuitamente al pubblico; i locali destinati ad attivit artigianali, commerciali e di pubblico esercizio, ubicati nei centri storici del capoluogo e delle frazioni, limitatamente ai primi cinque anni successivi allinizio effettivo dellattivit e quindi delloccupazione. La delimitazione dei centri storici verr individuata con apposita delibera della Giunta Comunale. La richiesta di esenzione dovr essere presentata, pena la decadenza del beneficio, contestualmente alla denuncia di occupazione. Art. 16 RIDUZIONI INDIVIDUALI (67.2: facoltativo) 1. LA tassa ridotta individualmente nei seguenti casi: a)utente che abbia posto in atto interventi tecnico-organizzativi con effetti accertati di una minore produzione dei rifiuti o che agevoli il loro smaltimento o recupero: riduzione sino al 40% b)utente che consegni in via ordinaria rilevanti quantit di rifiuti suscettibili di determinare entrate al servizio sino al 20% di cui all'art.61 co.3 del D.Lgs.507/93. 2. La riduzione fissata con delibera della Giunta Comunale su semplice domanda dell'utente in relazione all'intensit degli effetti accertati,ricorrendo il caso in a), o della rilevanza quantitativa e di suscettibilit di riutilizzo, nel caso b), e vale sino al mantenersi delle condizioni oggettive considerate da verificare comunque annualmente dell'Ufficio Tributi. Art. 17 COPERTURA DELLE ESENZIONI E RIDUZIONI (67.3) A partire dal bilancio preventivo relativo all'esercizio 1996 individuato, nella parte "Spesa un apposito capitolo dotato di stanziamento corrispondente all'importo stimato delle esenzioni e riduzioni di cui al precedente articolo. Art. 18 RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE PER CARENZA ORGANICHE DEL SERVIZIO (59.4) 1.Qualora si verifichi all'interno della zona gravata di privativa di cui al precedente art. 2, comma 1, che il servizio,istituito ed attivato, non abbia luogo o sia svolto in permanente violazione delle norme contenute nel regolamento comunale del servizio di nettezza urbana, nella zona di residenza ove collocato l'immobile di residenza o di esercizio dell'attivit dell'utente, questi ha diritto sino alla regolarizzazione del servizio ad una decurtazione del 60% della tariffa dovuta, a partire dal mese successivo alla data di comunicazione per raccomandata all'Ufficio Tributi, della carenza permanente riscontrata e sempre che il servizio non sia regolarizzato entro i trenta giorni successivi. 2. Il Responsabile dell'Ufficio Tributi consegna immediatamente copia della segnalazione pervenuta al Responsabile del servizio nettezza urbana che rilascia ricevuta sull'originale. 3.IL responsabile del servizio nettezza urbana comunica all'ufficio tributi entro i trenta giorni successivi, l'intervenuta regolarizzazione del servizio o le cause che l'hanno impedita. Art. 19 RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE PER MANCATO SVOLGIMENTO PROTRATTO DEL SERVIZIO (59.6) 1. L'interruzione temporanea del servizio di raccolta per i motivisindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi non comporta esonero e riduzione del tributo. 2. Qualora il mancato svolgimento del servizio si protragga a tal punto che l'autorit sanitaria competente dichiari l'esistenza di una situazione di danno o pericolo di danno alle persone e all'ambiente, l'utente pu provvedere a sue spese sino a quando l'autoritsanitaria non dichiari terminata la situazione di danno. 3. L'utente che abbia provveduto in proprio alle condizioni del precedente comma 2 ha diritto, su domanda documentata, alla restituzione da parte del Comune di una quota della tassa ragguagliata al periodo di interruzione del servizio che, comunque, non pu essere superiore al 60% di quanto dovuto per il periodo considerato. Art. 20 GETTITO DEL TRIBUTO (61) 1. La tariffa della tassa determinata, in modo da ottenere un gettito globale annuo tendente a raggiungere il pareggio con il costo di esercizio del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni,determinato secondo i criteri stabiliti dall'art. 61,comma 2,3 e 3-bis e 67, comma 3, del decreto 507. 2. Il gettito complessivo non pu superare il costo di esercizio,nessere inferiore al 50% del costo medesimo (70% per icomuni in condizionidi squilibrio di cui all'art.45,comma 2lett.b del Decreto legislativo 30.12.1992 n. 504; 100% per gli enti che hanno dichiarato il dissesto, sino ai cinqueanni successivi all'anno di adozione della delibera di dissesto se anteriore al primo settembre, ovvero dall'anno successivo se posteriore). 3. Il costo di esercizio del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni individuato sottraendo dal costo totale delservizio di smaltimento dei rifiutisolidi urbani interni ed esterni determinato ai sensi dell'art. 61, 1comma, del decreto legislativo 507/93 e dell'art. 3 comma 39, della legge 549/95 una quota del 5% quale costo dello smaltimento dei rifiuti di qualsiasi natura o provenienza giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade private, comunque soggette ad uso pubblico. 4. Dall'importo differenziale derivante dall'applicazione del comma precedente dedotto, per effetto di quanto previsto nel terzo comma dell'art. 61 del D.Lgs 507/93 un ammontare pari al 95% delle entrate derivanti dal recupero o riciclo dei rifiuti sotto forma di energia o materie prime secondarie, diminuito di un importo pari alla riduzione di tassa eventualmente riconosciuta nei confronti dei singoli utenti ai sensi dell'art. 67, comma 2 dello stesso D.Lgs 507/93. Art. 21 TARIFFAZIONE PER IL 1995 (79,3 ss) La tassa individuata sino al 31.12.1995 in base a tariffa annuale vigente commisurata alla superficie dei locali e delle aree servite ed all'uso a cui sono destinati. Art. 22 TARIFFAZIONE DALL1.1.1996 (65 - 69,1 -79.2) 1. La tassa commisurata a partire dall'1 gennaio1996,alle quantitequalit medie ordinarie per unit di superficie imponibile dei rifiuti solidi urbani interni ed equiparati producibili nei locali ed aree a seconda del tipo d'uso a cui i medesimi sono destinati nonch al costo di smaltimento. 2. Le tariffe per ogni categoria omogenea sono determinate, secondo il prescelto rapporto di copertura del costo, moltiplicando il costo di smaltimento per unit di superficie imponibile accertata previsto per l'anno successivo, per uno o pi coefficienti di produttivit quantitativa o qualitativa dei rifiuti. 3. IL Consiglio Comunale, entro il 31 ottobre 1995 determina con efficacia dall'1.1.1996: - le modificazioni alla classificazione delle categorie tassabili avendo riguardo alle indicazioni contenute nel secondo comma dell'art.68del decreto 507 ed all'esigenza di disporre di categori ed, eventualmente, di sottocategorie di locali ed aree che presentino omogenee potenzialit di rifiuti, tassabili con la medesima misura tariffaria; -le modalit di applicazione dei parametri di cui al secondo comma; -le nuove tariffe derivanti dall'utilizzo dei parametri, per ciascuna categoria o sottocategoria individuate in ragione di un metro quadrato di superficie utile dei locali e delle aree in esse comprese. Art. 23 CONTENUTO DELLATTO DI DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE (69.2) La deliberazione con la quale sono determinate le tariffe di cui al precedente articolo 22, 3comma,deve recare l'indicazione delle ragioni dei rapporti stabiliti tra le tariffe, i dati consuntivi e previsionali relativi ai costi del servizio discriminati in base alla loroclassificazione economica,nonch i dati e le circostanze che hanno determinato l'eventuale aumento per la copertura minima obbligatoria del costo. Art. 24 - UNITA IMMOBILIARI AD USO PROMISCUO (62.4: facoltativo) Allorch肠nelle unit immobiliari adibite a civile abitazione sia svolta in via permanente un'attivit economica o professionale, la tassa dovuta per la superficie a tal fine utilizzata,in base alla tariffa prevista per la categoria ricomprendente l'attivit specifica. Art. 25 TASSA GIORNALIERA DI SMALTIMENTO. 1. E istituita, a partire dal primo gennaio 1996, la tassa giornaliera di smaltimento dei rifiuti urbani interni,prodotti dagli utenti che, con o senza autorizzazione, occupano o detengono temporaneamente locali od aree pubbliche odi uso pubbblico o aree soggette a servit di pubblico passaggio. In assenzadel titolo costitutivo della servit, l'occupazione ola detenzione di un'area privata soggetta a pubblico uso o passaggio tassabile quando visia stata la volontaria sua messa a disposizione della collettivit (dicatio ad patriam) da parte del proprietario, ovvero, da quando si sia verificata l'acquisizione della servit pubblica per usucapione. Per temporaneo si intende l'uso inferiore a 183 giorni di un anno solare, anche se ricorrente. 2.La misura tariffaria giornaliera pari all'ammontare della tassa annuale di smaltimento dei rifiuti solidi attribuita alla categoria contenente voci corrispondenti di uso, diviso per 365 ed il quoziente maggiorato del 40 per cento (massimo 50%). 3.In mancanza di corrispondente voce di uso nella classificazione vigente della categoria ed in quella che sar determinata ai sensi del precedente art. 22 utilizzata, per il conteggio di cui al comma precedente, l'ammontare della tassa annuale della categoria recante voci di uso assimilabili per attitudine quantitativa e qualitativa di produzione dei rifiuti solidi urbani. 4. La riscossione della tassa giornaliera avviene con le modalit indicate nel successivo art. 26, comma 6. TITOLO III DENUNCE - ABBUONI Art. 26 - DENUNCE (70) 1. La denuncia unica dei locali ed aree tassabili siti nel territorio del comune redatta sugli appositi moduli a stampa predisposti dal comune, contenenti le indicazioni di cui al terzo comma dell'art. 70 del decreto 507, deve essere presentata dal contribuente direttamente o a mezzo del servizio postale, all'Ufficio Tributi del comune, entro il 20 gennaio dell'anno successivo a quello di inizio dell'occupazione e detenzione, sottoscritta da uno dei coobbligati e dal rappresentante legale o negoziale. 2. Per le denunce presentate per raccomandata, vale la data di spedizione. 3. Nel medesimo termine e con le stesse modalit devono essere presentate le denunce di variazione. 4. Non sono valide agli effetti del presente articolo le denunce anagrafiche prescritte dal regolamento approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989 n. 223, fermo restando l'obbligo dell'ufficio anagrafico di invitare il denunciante a provvedere ai sensi dei commi precedenti. 5. Sono valide, ai soli effetti della cessazione della tassa, le denunce generiche presentate all'Ufficio tributi del comune concernenti la cessazione dell'obbligo di pagamento di tutti i tributi comunali. 6.Qualora si tratti delle occupazioni e detenzioni che danno luogo all'applicazione della tassa giornaliera ai sensi del precedente art. 25, l'obbligo della denuncia assolto a seguito del pagamento della tassa da effettuare contestualmente al pagamento della tassa di occupazione temporanea di spazi ed aree pubbliche con il modulo di versamento di cui all'art. 50, comma 5, del decreto 507 ovvero, in mancanza di autorizzazione per l'occupazione, mediante versamento diretto (77.4). Art. 27 DENUNCE DI VARIAZIONE (70.2 66.6) La denuncia di cui all'art. 26, primo comma, ha effetto anche per gli anni successivi a condizioni invariate di tassabilita.In caso contrario, il contribuente tenutoa denunciare,con la forma e nei tempi di cui all'art. 26, ogni variazione che comporti un maggiore ammontare della tassa e cos anche il venir meno delle condizioni dell'applicazione della tariffa ridotta di cui ai precedenti articoli 13, 15 e 16. Art. 28 NORMA TRANSITORIA PER LE PRIME DENUNCE (79.6) In sede di prima applicazione delle presenti norme, le denunce di cui agli articoli 26 e 27, ivi comprese le denunce integrative o modificative di quelle gi prodotte in base al precedente ordinamento del tributo, le richieste di detassazione o riduzione, nonch gli elenchi di cui agli articoli 6, 2comma e 7, 2 comma, sono presentati entro il 15 ottobre 1995 ed hanno effetto, quanto alla modifica degli elementi imponibili, delle riduzioni tariffarie e delle nuove agevolazioni previste nel presente regolamento, a decorrere dall'anno 1996. Art. 29 MODALITA DEI RIMBORSI (75) I rimborsi spettanti al contribuente per i casi previsti nel 6 comma dell'art.59 e nell'art. 75 del decreto 507 ed il pagamento degli interessi dovuti sono operati mediante riduzione dell'importo iscritto a ruolo, disposta direttamente dal Funzionario Responsabile dell'organizzazione e gestione del tributo nei termini indicati nell'art. 75 stesso. La riduzione opera,fino alla concorrenza del relativo importo, sulle rate scadute e non pagate e/o su quelle a scadere. Nel caso risulti gi pagato l'intero importo iscritto a ruolo,o nel caso di eccedenza della riduzione rispetto alle rate non ancora scadute, l'importo dovuto rimborsatodirettamente al contribuente entro i termini di legge, con le procedure previste dal Decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1988 n. 43. TITOLO IV GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL TRIBUTO Art. 30 IL FUNZIONARIO RESPONSABILE (74) Al controllo dell'esatta e puntuale applicazione del tributo secondo le disposizioni di legge e del presente regolamento preposto un funzionario designato dal Segretario Comunale che provvede alla comunicazione del nominativo al Ministero delle Finanze, Direzione Centrale per la Fiscalit Locale, entro 60 giorni dalla nomina. A tale funzionario sono attribuiti i poteri per l'esercizio di ogni attivit organizzativa e gestionale della tassa previsti dall'art. 74 del decreto 507. Il Funzionario Responsabile, ferme restando lesue attribuzioni ai sensi del precedente comma, comunque tenuto ad istituire i seguenti registri: A - registro in cui verranno annotate in ordine cronologico tutte le dichiarazioni presentate dai contribuenti; B - registro in cui verranno annotatigiornalmentetutti ipagamenti effettuati dai contribuentiperla tassa giornaliera di smaltimento di cui all'art. 77 del decreto 507. Tutti i registri, che possono essere costituiti anche da schede, tabulati,foglia modulo continuo e compilati anche mediante procedure elettroniche, devono essere numerati e vidimati in ogni pagina dal Segretario Comunale, prima diessere posti in uso. Ein facolt del Funzionario Responsabile della gestione del tributo istituire in luogo dei predetti registri un unico registro,con l'indicazione separata, in appositi spazi, delle annotazioni da effettuare in ogni registro. Art. 31 SANZIONI ED INTERESSI. FATTISPECIE VIOLAZIONESANZIONE IRROGATAOmessa presentazione della denuncia originaria o di variazione.Dal 100% al 200% della Tassa dovuta con minimo di . 51,65Denuncia originaria o di variazione infedele.Dal 50% al 100% della maggiore Tassa dovuta.Errori od omissioni presenti nella denuncia che attengono ad elementi non incidenti sull ammontare della stessa ( c.d. errori formali)Da . 25,83 ad . 258,23Mancata esibizione o trasmissione di atti e documenti o dell elenco di cui all art. 63, comma 4, del D.Lgs 507/93, ovvero la mancata restituzione di questionari nei sessanta giorni dalla richiesta o per la loro mancata compilazione o compilazione incompleta o infedele.Da . 25,83 ad . 258,23 IL PRESENTE REGOLAMENTO E STATO APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 67DEL 30/9/1995 E SUCCESSIVAMENTE MODIFICATOCON DELIBERAZIONE C.C. N. 80 DEL 31/10/1995,CON DELIBERAZIONE C.C. n. 18 dell11/05/2006,CON DELIBERAZIONE C.C. n. 11 DEL 26/04/2007, CON DELIBERAZIONE C.C. n.6 DEL 07/05/2010. I N D I C E REGOLAMENTO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Art. 1 Oggetto Art. 2 Zone di applicazione Art. 3 Presupposto della tassa Art. 4 Esclusioni Art. 5 Soggetti passivi Art. 6 Parti comuni all'edificio Art. 7 Locali in multipropriet Art. 8 Locali tassabili Art. 9 Aree tassabili Art.10 Locali ed aree destinate ad attivit stagionali Art.11 Locali ed aree non utilizzate Art.12 Soppresso Art.13 Riduzioni di tariffa Art.13bis-Agevolazioni particolari TITOLO II TARIFFAZIONE Art.14 Obbligazione tributaria Art.15 Esenzioni e riduzioni Art.16 Riduzioni individuali Art.17 Copertura delle esenzioni e riduzioni Art.18 Riduzione della tassazione per carenze organiche del servizio 045<HLtvI h k $&OQqs#%#CDF=i "I"J"L"&$($3%M%˿hP hP5CJhVV56CJ hVV56CJ(aJ(h!PwhVV56CJ(aJ(h!PwhVV6CJ(aJ(hVVjhVVUmHnHuhVV6CJ] hVVCJ hVV6CJ4] hVV5 hP59346789:;<Huvwxyz{|}~gdVVgdVVgdVV$a$gdVVgdVV$a$ F G I R S h i $a$$a$i j k #$KLMNOpqrs$a$"# !"#BCD;78UX23$a$NOP<=g h i !""""I"J"%$$a$%$&$.%/%0%1%2%3%M%N%O%&'''n'o'a)b)))++4-5--<.=.//o1$`a$$a$M%O%Q%'')'Y2r2 7]7_7a7)8+89 9#:%:::?;m;;;K<M<\=u===>>>>>>>>p@~@@@@@@@AAA6B8B5C7CCCEF'F)FFFFFHHH^IK KAKBKhKyKzK|K\M^MN hP5h2/ h;9 5CJ h=hPh7h=5h=h=5CJ h=5CJh= hP5CJhPLo1p1q1r1s1V2X2Y2r2s2t222b3c344577 7]7^7_7(8)899":$`a$$a$":#:::=;>;?;@;A;B;C;D;m;n;o;;;;J<K<Y=Z=[=\=u=v====$ & Fa$$a$====X>Y>Z>>>>>>>>>n@p@r@t@v@x@z@|@~@@@@@$a$$a$gd=$a$@@@@@@@@@@@@@@@@@AAA5B6B4C5CCC}D~D5E$a$$a$5E6EEEEFF&F'FFFHHHH_I`IYJJBKCKDKEKyKzK $^a$gd2/ $^a$gd= $ & Fa$gd=$a$gd=$a$zKKKKLL[M\MNNNNOOO P!P"PqPrPsPZS[STTTTTTT$a$NO"PqPsPuP[S]STTTQUTUVUVVRWTWXXXXZZ[[ ^^`4``$a%a'aabcbccffhhj;jjSmUmVnXnooppqprp}p~pppppprrss{s}sttuuwwqyy{"|υ8.0 hP\ hP5CJhI@hP hP5CJZTTTTTQURUSUTUVVQWRWXXXXXZZ[[ ^ ^_`````$a$```3`4`5````#a$a%a`babcc d dqereeeefffffff$a$fhhhhhhhhhhhh j j j jj:j;jL^gԍݍ+TenɽɏɏɏɏɏɏɏɏɏɏɏɏɏhchG$hG$hP5CJaJhG$5CJaJhG$hG$5CJaJh5CJaJhG$hP5CJ aJ hPhG$hmCJaJhmCJaJhG$CJaJhG$hPCJaJ hP5CJ hP\6(*Fx$Ifnkd$$IfF0%064 Faxz|~-@_$a$gdG$$a$nkd@$$IfF0%064 FaՍ,f!BbƏ0]| 9ef$a$ )ASaΏX\ez 8ac bcl渴hVVjhVVUh2/0JmHnHuhP0JmHnHu hP0JjhP0JUhRjhRUUhG$hehPBArt.19 Riduzione della tassazione per mancato svolgimento protratto del servizio Art.20 Gettito del tributo Art.21 Tariffazione per il 1995 Art.22 Tariffazione dall'1.1.1996 Art.23 Contenuto dell'atto di determinazione delle tariffe Art.24 Unit immobiliari ad uso promiscuo Art.25 Tassa giornaliera di smaltimento TITOLO III DENUNCE ABBUONI Art.26 Denunce Art.27 Denunce di variazione Art.28 Norma transitoria per le prime denunce Art.29 Modalit dei rimborsi TITOLO IV GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL TRIBUTO Art.30 Il Funzionario Responsabile Art.31 Sanzioni e interessi     PAGE 1 PAGE 9  EMBED PBrush  =?dgdVVh]h &`#$gdVV$a$hPhivhVVjhVVUjhVVUj՞< hVVUV$a$1 0:pVV. A!"#$n% n7k5w mԅbPNG  IHDRzcgAMAPLTEٟ pHYskĕ+ IDATx_lGzYup:s~ta8)\Shq} KPȵ]EAaW\>^r24"h_/.90oIRKii_0drovgE<q:tᱷYM5N7<s/|IS2-f-=72hS hJwl6y!sU Jw01Ik1(/ؼ%le`%kghACjM\`[*/n C c2v]?c*MXf7%pa:ZM>^~\]@h] y/0"V ԯFͶ 04n0 =>H;YY}> ňYPdiuk_"!Fr88+`ƏQgi2T&+KSA߯:4؆ hƞQNU]WqŠo: ͒+]GrF@KY XuSN en6z?д2L43:?*+ZR,ɱ<̳<2Ҭ"iq"ٺ\AT%"LqID/N/1|,j 8Bd2Ҷ9 n֊g 4ܨHLdzଁF5Eѹb4[p̉$N>UӸ$h 7VpӲ81"]"cQKЕ$)KE6(1K$ OR|bC,MQk( &&uD/TjY<<\9 <7Ti4D2NCN|QכP}ǐxP-%mH+oQJrpE^2e3KL u g P讂M-wm`0%,?$ `xk! 5\,8\2=6,&Vq`LfLE̶ ߫ `J2NG̶*g@#EpiT1Mdf"fFeTw ) XTT6غu[;VYcAAFZv33}0uf]_a%)b0"fA-baXr憵dT/6Iƒg8QT ˆ6Ɗ*Ƙ4Jć]rF({F+J|mf÷ɤw1o>!֭14ֆu<L1!!;@pm3Xfcr i1PbyP$X13;/;CO챋MCq#ߐdz$$3Klڶwfc.B.M[j1õLlOy& elP(?:2!^zB|Ȗ$CgY|U4*Mn+[ H@CrS/r.X&ןf0= nbD'3,7*6g9+0F >_q̴cN [Sd5͜d.l 8}_=z[(j4.Tn gmu/#1NN}mƨF ryڑM{b(l_KfdY)2U-'06ov|M 339!tV'OT՞0~g' } Λ4T}E5 pF3"!D]>OIw`ȇ3Z Ƈ(S^{8C4ss3pDwɀQ;UC`;՝л2:|֧ۆb/:*lpɠj[8zO T:Gn힙C I;Kgt@8ྺ7r {8{d&t !s f烊=$8SĀ5aJdF5k7O38$c`ajƳg$6bcxl<6_q͚(5HF=[I۾݁o0kC/I^:;TQvʻGP^acnߍmlaZcgt2K0=ỵ^Qm]E5~3尡IoHe!]gX*\Fahɛ;+Cym8~ g:Fsq@Cu~ڲ a֥aܿžtܙʿ ދNy(k\ىs!aJ<6&z1 ǔh_3 0>1{ aF`}UQG†l$n(zµC jpݪFR @c.l2>=pOȰv(7aڳ/q~~lc`Y7(!3 4e:Ʈ &s32hhX[9SҶT<2h9eH!sdp,ylűXf~`,5#sF4fԠ v r˔}e>C9cyXGL% e3lHٚ<)6~ qes mAy䇬|`LAZ-b_ y?, 2FX,xi؉Z *4IS? >æg$ LF{TidCF-cDs#p}BFkpsn`<,-ܖi8[TMVߩF*(ӝ^&pmh+_Hܴ%OD TfȐ^20n7S~0 fV˷>Ą~=0nFNZ52|篯p|o*+U"x i>]=+u#T/vt6~ePv=i7NlT`3A6YOaw<*O/~h`x}阗l+)Mt2R5=u%ָnPK$sҽ26[ŅuU@x,s6Z `oR5Y.i5glxV.Q*|54Iʥ=2`%/klcʝQV4g'c2-S6q7F:%^ l-@D<4n~pշFcSO^Y1AІC LEJ_,T^[R$U)ggN)0{.],&!*57 ?\l 3:__V謾vN1kz'~7, ABF u,7j/wLS[;CR^oh/ `ܽ{=.cϛy`6>!j)Rɦ }Ÿ;[3=hnoD{g>W{|c.`|0YgO:)u}^1g*nb㏋fE›!a]O,O-p=fįӇQS[o$zNs-UG0qVb׊vpix>{U=[aoj2Uȍ G=[b^t C{^ Zo>#멺J(Wy .0jtfxkf.O[f~zu`bǛ|a$5nLX:=v\z,q`vM- Q+ q2?g~NN2jZ,CхC+Xlxh6Ѧ_Ÿ8mzW2˘gmb8_'kVǺqEۚY,fDv{<=g4NZnecy.`pjhbx8g ?F1n'GN S[<^5NzqβbFT& 󟞶COZR˦SGęs[MȔY1EP"4W1az=_ˋ,te9ĨBr uո/0c-L-83f͊tXiOkShsER'`ӆl1c,pm]?`.{%a6saFS:9KYm_,!Fּ?O9Ĩ@s:.#aF֒)Y#'wR>0@ X7φ+;,vK`iyؾ˃ydd,eS(S62ovtnp5RNŜ5# ~~-CIc Oq2ÐL0 ʖ #s8&?mЧL0@$:0n&!hWƧgOT0?Ƨ&63 $їѤbUa^|ubJT| Bk3]#}Sv܍ T@]d"fT2*wOJ/À3& h~Q~Қ2l`*2 1HuKҿD= >02<"_AƩS4tv'aj\0[k*!IY8}OƫV~L{TD>-+wTcg+cÅ9]K ufh鑌ݾh K>LjX[шjg|۶m`\{*c.u-iAɷA,^5 q]b~bT%K\G3~{>َy2( ])t{d97γ"5 I3Do?|6d7qSa-SW5i*1i;OQVL~ݦxJٔ2gcPwbr\--*"yhr #~)7G,;\}qG&Jqa*L̢< U] T5:xu.C#rƷ39c7tPxoj_rFXߛ6[*?U9A9vkն7c;ɨ+cW{Νޔ?@ƺN=L:On 9pMYAnY`B$c 2mP`TdH 4:>hƇ/r`JQG!hkJiƢ^͝3Zͪtf? HNPvLXgR+*džgz))1X; 6{>!3K},؉vجesp:lγ^&6 /Pv6d99N>so   1|9铊@l:spYB)(N1v΁(~47+whH RFqwv]C~Qj#RKcaT9]8Nd{DZf0G iD1]\>WP^ i06t_$r8s C,?$V/$]u_m2ZsoFe9b$bԪ+sA8{Ք3(?b8?>87*iS:wJ?2ɼ: Cj[akϛ>1{,ˀQz#A~o9BP'77z۟>Y|ɧ# `#W6+ kGyAܨ6p4_,/{ٸ'&pZ<ŀswf/kd S"ՆɌԝ n ׺aČG9`~#O1Xkfbyn(\^0y3!'i&R0zf "kNn !cN>#ˀ^x&7y+dxѶ)FF 9'Jdb: mv*2ޯ1qA޽60*YyX8ya\~ m!7g+rele^X$''*HEnogF0[h!kK^7I0cϗU%+SYk&Y7Z8sj$k1|^ιVX%=eK6sQ9݃#T ZC be;{U|!RN˶s'H0ShgT9|8Y0b ~W2ӻ3~2R-9a]r",ףTVZe14)(-0` Qh-oR{eߕf$GkĄoTkQ2]h,G|PZO2cP^ĻG˕$C7i;~3)>0 #죾jZ ^ .1C!Y| '[N %prT\9DBzYpgW:dfArnLd9!!PV,\ z8 {sFaե{e52@ɼs2hyanF(>#L_kDJhQw|\Pfzȇ*Ip.[F4d ^ﴼ 9POZ ;oOFH|{^SPS| VQ`ܯF gQgdrY-ǐN}@ 9]n}ً&ݡm}c1u]cM_*R@Q b9 2KrQ \iGp+o|J boD2&]bݓxu&0lksk{S[v01<lh]Y$̍ͺbrW#Ft鵰Qġn6tkv޴}C]C[ή!D`n02|Z 3ϙK;{n9GO`zY[!cUP[1 $eWU8]n8o[*SpQ0o;79yA[f%1u'2$0ibZm V0/NRvZA,X'QJ|Ը#Y՝o(F aT]P+Eb^*2bMЌQop:7Vtf@p'zcfcCM@ghjdc2=+dl7hS7˱2ȬƊFAsxflS7UCPdZ dh%&\unw q f<嵽&2%OcM]-?$Ϩ࢜fR@/c/2e+C2_ ƍ dIJgrT.hf(OL2wꍳww~K1ƜF> 02m XLjQKO嘴O' {_Q߅OA#A tmX,Z[M4$P;o =k<`@T+Nb _ގb ] d$+aA,h5`mhP5^WԃCD еfu4mڋ1ZĀx>pM- gC%G}뺶ٕs6 +n[BpIehl -0#Gn5sړPFoa([u]&f=9k4FX^kMK8 {zE14ޅk'\&NϗI$R|*!tG&7s7/s-Gw83AKz$iGi  ŏ}} ]G?YT9O̗vdEs"1t{ϝ5r~q&Zc 3=+-yʥ>9"yZm?Dn:a4XS]b8S0O]=#{ϢW"ݦ,\8[!xFv_ q:`rcb$f܇@H]s)UXv2oC/FQ>\Fi`U\~\S88 %_Xku;^ 2ԩo *R /*PT]r2`8Jh2N2t zCnɗ4;cQL-ͦeO`t]Sb Āgl•~0 xϠ.VZ0, ˌիCod_cvф`wCa4]ZЗ?ђAL>BkB(00/n~ +qaׁwuK/kڕB:X@<%/WAӂE:[D~j)9ײ N ׺dm'0Ov#0CYd98ö}7#SIP9< ADz|nڮaHDn] Z4?d0#d&,g^F2I|1l^B)`ӷ8&w %m 8S: V?` i$CCa'ab=ŸwbB5nE>bJdp>ݺX7<|㲓 ,#4 aT;0w1Q`4y";ɍV)yCe#8AG&ǪMd!op,LԆ/鶵<$ls̝Tvo!z `YH0zPP3(&X_m7*6`ؖ0 )LX& ۩b.[kWgX/AmLS<(#o̭%mPJ?Ý l" \bYg:SK,hNM ,)q9AxQ,DpNqX`\XaܛLmB~k:Iǭ 5yL'u=%pE!l_O3/餼d `B2I> CE-|2a@QX?fshc: Gܨ " l5uWB` CH7/hQ5.`6AG14-.rJ! &Xg9X8RGnš/yue<}k`9.Aqh:u)IYbXFbFg{ˠ7gQ lH}(܆R?)m ֻp Š aPǣ *}ff#~d4R6zoÄp1sXaz}8.kV:jVX]rFM 701qdpѕ-`WmD :ug '~UFGM1-;P^,EF]IcSt7}mkul9ȴF7f8 lS\7c~zm̭C~x*W ;1N|0pcm[p9d99w,_qkoY8h-_~%=䲛cl{ 9|wqv{r } ]eTk}P*Aޱ j`OxHV0*t5z*#JWѷ2S8SBT=~"0>1GPN<1|G}jF{CS?EőgլYwVctLy1i{Z> +0T]M7A 2XK̀1fK1śF~b>@}2x[auc\]c9-ƝҍH>vܑ}Qctd2RiA߷_ :H:d|Eq'JMi cr,</g8\3ƀ܇OgnjfsC_DOE?1}K IENDB`$$If!vh55#v:V F06544 F$$If!vh55#v:V F06544 F$$If!vh55#v:V F06544 F$$If!vh55#v:V F06544 F$$If!vh55#v:V F06544 FW8Ddzh% 0  # Ab7k5w mԅb7Dn7k5w mԅbPNG  IHDRzcgAMAPLTEٟ pHYskĕ+ IDATx_lGzYup:s~ta8)\Shq} KPȵ]EAaW\>^r24"h_/.90oIRKii_0drovgE<q:tᱷYM5N7<s/|IS2-f-=72hS hJwl6y!sU Jw01Ik1(/ؼ%le`%kghACjM\`[*/n C c2v]?c*MXf7%pa:ZM>^~\]@h] y/0"V ԯFͶ 04n0 =>H;YY}> ňYPdiuk_"!Fr88+`ƏQgi2T&+KSA߯:4؆ hƞQNU]WqŠo: ͒+]GrF@KY XuSN en6z?д2L43:?*+ZR,ɱ<̳<2Ҭ"iq"ٺ\AT%"LqID/N/1|,j 8Bd2Ҷ9 n֊g 4ܨHLdzଁF5Eѹb4[p̉$N>UӸ$h 7VpӲ81"]"cQKЕ$)KE6(1K$ OR|bC,MQk( &&uD/TjY<<\9 <7Ti4D2NCN|QכP}ǐxP-%mH+oQJrpE^2e3KL u g P讂M-wm`0%,?$ `xk! 5\,8\2=6,&Vq`LfLE̶ ߫ `J2NG̶*g@#EpiT1Mdf"fFeTw ) XTT6غu[;VYcAAFZv33}0uf]_a%)b0"fA-baXr憵dT/6Iƒg8QT ˆ6Ɗ*Ƙ4Jć]rF({F+J|mf÷ɤw1o>!֭14ֆu<L1!!;@pm3Xfcr i1PbyP$X13;/;CO챋MCq#ߐdz$$3Klڶwfc.B.M[j1õLlOy& elP(?:2!^zB|Ȗ$CgY|U4*Mn+[ H@CrS/r.X&ןf0= nbD'3,7*6g9+0F >_q̴cN [Sd5͜d.l 8}_=z[(j4.Tn gmu/#1NN}mƨF ryڑM{b(l_KfdY)2U-'06ov|M 339!tV'OT՞0~g' } Λ4T}E5 pF3"!D]>OIw`ȇ3Z Ƈ(S^{8C4ss3pDwɀQ;UC`;՝л2:|֧ۆb/:*lpɠj[8zO T:Gn힙C I;Kgt@8ྺ7r {8{d&t !s f烊=$8SĀ5aJdF5k7O38$c`ajƳg$6bcxl<6_q͚(5HF=[I۾݁o0kC/I^:;TQvʻGP^acnߍmlaZcgt2K0=ỵ^Qm]E5~3尡IoHe!]gX*\Fahɛ;+Cym8~ g:Fsq@Cu~ڲ a֥aܿžtܙʿ ދNy(k\ىs!aJ<6&z1 ǔh_3 0>1{ aF`}UQG†l$n(zµC jpݪFR @c.l2>=pOȰv(7aڳ/q?@ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ[\]^_`abcdefghijklmnopqrstuvwxyz{|}~Root Entry  F@ vData ';WordDocument ObjectPool v@ v_1017042190 FvvOle CompObjMObjInfo  FPBrushPBrushPBrush9qOh+'0  0 < H T`hpxOle10Native ĨOle10ItemName1Table PSummaryInformation( BM>(zh???????9??????g?3?9?O???????????0??o?O0?&78???lpă!?A"?#rrl?G31 ?? ?>@0x?``?!00?o<?~??ǀ ?|?x0p??y????}??|? C?~<?x??A?~8?;a1`p9``1`?0q?`@!`/0@?0?`???8? @p?0???g?0@@ 0L  @X>@|f???8?G?p??|?8?0xo??@C?`??'?7|s??q>g|?~ ~?~@x>|>8p` |`ϟ6?8`??<@<x???< ?p8???|p3??0?pσ?<?p?~`π??0bLJ?2??'1  >?ǀp  ?ρ?` ?fg0<?&g ?8v<? '??8?#0`0x??p?@8?`>8 0?`A8 ?Lq><|&| 9?_??<@?8???À|?? |c?|??8p<8?8<@G?88@xp?< `<8#?`~@pg@>? ?#g@p?1Oe ?1 a?h8a<y|a?c?8!1?q?<!9x??8x Ç?pp" ?8??p`?N< F?|>???9n?~!?n??|x`?0;| o?0?@~??a|a!>apD|?>C~ D| >~~?@A<1'~?AA8/~>?C1<>??  < ~`À{? ??p?g}? ? ?pad?8?3??0!t038!?} 3#|> <|?<>~1?=? ?;>C!vǃ2?p?|?8σ:?>y $y??s}??x???|'?@>< ?a68 8pr8?LY 8~<`???'0?7??'oϙ|?'>A.><<C<χ?@~|<88|??@~?1??w??G#߃w?c`gwɟG0Fr8? p #>?p><I|?|cwΏ#?|?8w3|?ws?`?g#???H'?>X?G!?s|L&3??9?L??3#y?ϦL?#w?7߀??c?7Ȇ????Ǐd'@?G7σ ?Gx@w܀GGpOg?0GGg~cG?ۀgsGG`gCxC|?C|>C\?>C N?~? ?x~ ??  C '@?O3?`I'?> ??L??@??ǀ< 0|>cs?<>ǀ0cq>???p'@8 ??c?'??1 ?>>0>? ?<>? ۇ="???3!8@?/?s8?' ?8>?`0#π?8?#π?>;#?>;>!8??|? 1 00?|?Ýx?h1njp0xχs 1`x3 Ɵ1#`8<'L1`p1/08p?<??k?08$>0?7 ~~@?pŖ7 Ctpp@?w?7>!C8n@?w;,'~3 GpρgP2I&~G8Gp ߁sQ?v&>xxg߁{ѿ>_&Ky>xq~9~fd~xp~<~?nb<|?poaG?=8> <?q?O?yg8?<?ss??߃?>xO8??<|?0|<?xs?| < q?6|?O?|9<#ͷp??}?; '?$y3x?ly_>3H3?3 ???? ~>8?8??)<>Ͽ?x|8'<~^??psP?8c8~N`??gۀysf#| g;];s?|~f#72]~?<f??#;@?f?@'_@ fG ?'_ :fC8?_:Oc?? xo1??Oo??y1`??ya0?~?1#3O_C'<'?88~ ?g?9??N??o???1?gz1s8{x7pa?9c;c?;?9?O9?9~9~D~vx89>4C8x q8>ٌ!t8ٌ'fpfp?p`pppp?` N oTgx΀AA  Oc`?owpOg0/??????? {q11cÜcÀ9?fq;ǀ<~?Ïdž@d|y>&d ?>``3~?<χ?`|?|0? ?0>`@`'8xs8?>p?? ~><?<>87?<??p??ß??>@`9?`8???0'??psCc?3?3?8s>;?s099`y#> G???O  ?>_? ~~ψ|?aϏψ?@O??>~q><q>~>O8<~aL<~xaq<~0'0~~|?;9?|~?8?8~??7?9>?a~>3?;?< ?????p3|?px<||?0>????|>p????8??'|π?_`y?{<A``yq?8g{??<w?>xw?x;?x9?#Ϗ{σ?????Op|x?x?ߏx?8?s??߇w?g??1? f<{d>A;a?@ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ[\]^_`abcdefghijklmnopqrstuvwxyz{}~t,m'kx0w.73rϰtMc0C-oJ6nv蘆UcNwUV9;<܆ E="str6ILj5}y1+#{yO]EA{/LQЎ$F>c]5~q1/҃ 13|P QFw3`D5ؾt\jaè7^n~N`ajgppπ[Oޮا BȰ[-c#1]c[ou}< !U7`Dj Wo4~~lc`Y7(!3 4e:Ʈ &s32hhX[9SҶT<2h9eH!sdp,ylűXf~`,5#sF4fԠ v r˔}e>C9cyXGL% e3lHٚ<)6~ qes mAy䇬|`LAZ-b_ y?, 2FX,xi؉Z *4IS? >æg$ LF{TidCF-cDs#p}BFkpsn`<,-ܖi8[TMVߩF*(ӝ^&pmh+_Hܴ%OD TfȐ^20n7S~0 fV˷>Ą~=0nFNZ52|篯p|o*+U"x i>]=+u#T/vt6~ePv=i7NlT`3A6YOaw<*O/~h`x}阗l+)Mt2R5=u%ָnPK$sҽ26[ŅuU@x,s6Z `oR5Y.i5glxV.Q*|54Iʥ=2`%/klcʝQV4g'c2-S6q7F:%^ l-@D<4n~pշFcSO^Y1AІC LEJ_,T^[R$U)ggN)0{.],&!*57 ?\l 3:__V謾vN1kz'~7, ABF u,7j/wLS[;CR^oh/ `ܽ{=.cϛy`6>!j)Rɦ }Ÿ;[3=hnoD{g>W{|c.`|0YgO:)u}^1g*nb㏋fE›!a]O,O-p=fįӇQS[o$zNs-UG0qVb׊vpix>{U=[aoj2Uȍ G=[b^t C{^ Zo>#멺J(Wy .0jtfxkf.O[f~zu`bǛ|a$5nLX:=v\z,q`vM- Q+ q2?g~NN2jZ,CхC+Xlxh6Ѧ_Ÿ8mzW2˘gmb8_'kVǺqEۚY,fDv{<=g4NZnecy.`pjhbx8g ?F1n'GN S[<^5NzqβbFT& 󟞶COZR˦SGęs[MȔY1EP"4W1az=_ˋ,te9ĨBr uո/0c-L-83f͊tXiOkShsER'`ӆl1c,pm]?`.{%a6saFS:9KYm_,!Fּ?O9Ĩ@s:.#aF֒)Y#'wR>0@ X7φ+;,vK`iyؾ˃ydd,eS(S62ovtnp5RNŜ5# ~~-CIc Oq2ÐL0 ʖ #s8&?mЧL0@$:0n&!hWƧgOT0?Ƨ&63 $їѤbUa^|ubJT| Bk3]#}Sv܍ T@]d"fT2*wOJ/À3& h~Q~Қ2l`*2 1HuKҿD= >02<"_AƩS4tv'aj\0[k*!IY8}OƫV~L{TD>-+wTcg+cÅ9]K ufh鑌ݾh K>LjX[шjg|۶m`\{*c.u-iAɷA,^5 q]b~bT%K\G3~{>َy2( ])t{d97γ"5 I3Do?|6d7qSa-SW5i*1i;OQVL~ݦxJٔ2gcPwbr\--*"yhr #~)7G,;\}qG&Jqa*L̢< U] T5:xu.C#rƷ39c7tPxoj_rFXߛ6[*?U9A9vkն7c;ɨ+cW{Νޔ?@ƺN=L:On 9pMYAnY`B$c 2mP`TdH 4:>hƇ/r`JQG!hkJiƢ^͝3Zͪtf? HNPvLXgR+*džgz))1X; 6{>!3K},؉vجesp:lγ^&6 /Pv6d99N>so   1|9铊@l:spYB)(N1v΁(~47+whH RFqwv]C~Qj#RKcaT9]8Nd{DZf0G iD1]\>WP^ i06t_$r8s C,?$V/$]u_m2ZsoFe9b$bԪ+sA8{Ք3(?b8?>87*iS:wJ?2ɼ: Cj[akϛ>1{,ˀQz#A~o9BP'77z۟>Y|ɧ# `#W6+ kGyAܨ6p4_,/{ٸ'&pZ<ŀswf/kd S"ՆɌԝ n ׺aČG9`~#O1Xkfbyn(\^0y3!'i&R0zf "kNn !cN>#ˀ^x&7y+dxѶ)FF 9'Jdb: mv*2ޯ1qA޽60*YyX8ya\~ m!7g+rele^X$''*HEnogF0[h!kK^7I0cϗU%+SYk&Y7Z8sj$k1|^ιVX%=eK6sQ9݃#T ZC be;{U|!RN˶s'H0ShgT9|8Y0b ~W2ӻ3~2R-9a]r",ףTVZe14)(-0` Qh-oR{eߕf$GkĄoTkQ2]h,G|PZO2cP^ĻG˕$C7i;~3)>0 #죾jZ ^ .1C!Y| '[N %prT\9DBzYpgW:dfArnLd9!!PV,\ z8 {sFaե{e52@ɼs2hyanF(>#L_kDJhQw|\Pfzȇ*Ip.[F4d ^ﴼ 9POZ ;oOFH|{^SPS| VQ`ܯF gQgdrY-ǐN}@ 9]n}ً&ݡm}c1u]cM_*R@Q b9 2KrQ \iGp+o|J boD2&]bݓxu&0lksk{S[v01<lh]Y$̍ͺbrW#Ft鵰Qġn6tkv޴}C]C[ή!D`n02|Z 3ϙK;{n9GO`zY[!cUP[1 $eWU8]n8o[*SpQ0o;79yA[f%1u'2$0ibZm V0/NRvZA,X'QJ|Ը#Y՝o(F aT]P+Eb^*2bMЌQop:7Vtf@p'zcfcCM@ghjdc2=+dl7hS7˱2ȬƊFAsxflS7UCPdZ dh%&\unw q f<嵽&2%OcM]-?$Ϩ࢜fR@/c/2e+C2_ ƍ dIJgrT.hf(OL2wꍳww~K1ƜF> 02m XLjQKO嘴O' {_Q߅OA#A tmX,Z[M4$P;o =k<`@T+Nb _ގb ] d$+aA,h5`mhP5^WԃCD еfu4mڋ1ZĀx>pM- gC%G}뺶ٕs6 +n[BpIehl -0#Gn5sړPFoa([u]&f=9k4FX^kMK8 {zE14ޅk'\&NϗI$R|*!tG&7s7/s-Gw83AKz$iGi  ŏ}} ]G?YT9O̗vdEs"1t{ϝ5r~q&Zc 3=+-yʥ>9"yZm?Dn:a4XS]b8S0O]=#{ϢW"ݦ,\8[!xFv_ q:`rcb$f܇@H]s)UXv2oC/FQ>\Fi`U\~\S88 %_Xku;^ 2ԩo *R /*PT]r2`8Jh2N2t zCnɗ4;cQL-ͦeO`t]Sb Āgl•~0 xϠ.VZ0, ˌիCod_cvф`wCa4]ZЗ?ђAL>BkB(00/n~ +qaׁwuK/kڕB:X@<%/WAӂE:[D~j)9ײ N ׺dm'0Ov#0CYd98ö}7#SIP9< ADz|nڮaHDn] Z4?d0#d&,g^F2I|1l^B)`ӷ8&w %m 8S: V?` i$CCa'ab=ŸwbB5nE>bJdp>ݺX7<|㲓 ,#4 aT;0w1Q`4y";ɍV)yCe#8AG&ǪMd!op,LԆ/鶵<$ls̝Tvo!z `YH0zPP3(&X_m7*6`ؖ0 )LX& ۩b.[kWgX/AmLS<(#o̭%mPJ?Ý l" \bYg:SK,hNM ,)q9AxQ,DpNqX`\XaܛLmB~k:Iǭ 5yL'u=%pE!l_O3/餼d `B2I> CE-|2a@QX?fshc: Gܨ " l5uWB` CH7/hQ5.`6AG14-.rJ! &Xg9X8RGnš/yue<}k`9.Aqh:u)IYbXFbFg{ˠ7gQ lH}(܆R?)m ֻp Š aPǣ *}ff#~d4R6zoÄp1sXaz}8.kV:jVX]rFM 701qdpѕ-`WmD :ug '~UFGM1-;P^,EF]IcSt7}mkul9ȴF7f8 lS\7c~zm̭C~x*W ;1N|0pcm[p9d99w,_qkoY8h-_~%=䲛cl{ 9|wqv{r } ]eTk}P*Aޱ j`OxHV0*t5z*#JWѷ2S8SBT=~"0>1GPN<1|G}jF{CS?EőgլYwVctLy1i{Z> +0T]M7A 2XK̀1fK1śF~b>@}2x[auc\]c9-ƝҍH>vܑ}Qctd2RiA߷_ :H:d|Eq'JMi cr,</g8\3ƀ܇OgnjfsC_DOE?1}K IENDB`0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0:@: Normale_HmHsHtH<@< VVTitolo 1$$@&a$CJ@@@ VVTitolo 4$$@&a$5CJ LA@L Car. predefinito paragrafo\i@\ Tabella normale :V 44 la 4k4 Nessun elenco >Z@> Testo normaleOJQJB @B Pi di pagina  %2)@2 Numero pagina6>@"6 VVTitolo$a$5CJ,HB@2H =Corpo del testo$a$CJaJ((346789:;<Huvwxyz{|}~FGIRShijk#$K L M N O p q r s " #  !"#BCD;78UX23NOP<=ghiIJ%&./0123MNO&'noa!b!!!##4%5%%<&=&''o)p)q)r)s)V*X*Y*r*s*t***b+c+,,-// /]/^/_/(0)011"2#222=3>3?3@3A3B3C3D3m3n3o3333J4K4Y5Z5[5\5u5v5555555X6Y6Z66666666677777777777777777777777777777 8 8 88899v:w:::;;_<`<a<<<<<==>=??u?v???@cdeqrހ0Tw !@cd}EfÃ*Zr˄̄Srsʅ%&)0000000404040404048040<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0< 0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0<0< 0<0< 0<00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00000000000000000000000000000000000000000000000000000I00I00I00I00I00I00I00I00I00I00I00@0@0I00I00h@0@0Mw346789:;<Huvwxyz{|}~)@0@0@0 @0@02@02@02@02@02@02:@02@0:@0:@0:@0:@0:@0:@0:@0:@0:@0:@0:@0: 00 &&&)M%NHPWcgki %$o1":=@5EzKT`fop{~]6.(xIKLMNOQRSTUVXYZ[\]^_`abdefjlJ  ")!t!t:l,b$k5w mԅb73@(  H  C A ?B S  ?4(+ 4 OLE_LINK1")#)i}Ki}Ki}Fi}T i}W$2KMl)(2KMl)C*urn:schemas-microsoft-com:office:smarttagsmetricconverter lS 1. L25, l3. L5. L507 ProductID $%'(012<GHKLNOZ[^_fgmnt  "#1256<=?@HIMNSTYZ]^`almpryz  #$(*+,67DIOPQS[\_`gknrstxy{|!")+12=?@BLMWY[\`amntu  !,-02:<>?GJPRSUZ[cdnoprtwz{  !")*,-3468ADFGLNOPVWXY`adeghoptv{| !$%(-/34;<>?EFMNPQTUWXcdgjqs{}  '(*+4589ACHIQRXYabefhinors}~    "$%./48<@HLY[]_ikmntu      ! & ' * + 5 6 9 ; < > C D F G I O P S V X d e m n o p s t y {         ! # $ * + - . 5 6 > @ B C M N ] ^ _ ` c d n q r t y z ~        $ & ' ( 1 3 4 6 = ? E G N P R S ] ` c d o p y z | } ~        " $ & . / 9 : ? @ D E P R S U W X ] ^ e f k l m n p }         # $ ( 2 4 5 7 B D G I W Z _ ` i k s u x z  #&()*+,67ADEHKMQS[\`afghiopqsuw{}  $%&(*+57:=EGMO]_fhknst %'/29<=>?AGIJLNOST\]`abdiknpx{   !"$'(/2589:;=CELMNOSU[\]^efnpqstw~   "#%,-:;?@F[\^dfgikmqtwz}    $%&79<@CKN[^_akmopvw !&',-249;=?CDGHJKRSUW]_`bijrsvw')12@BDFKLNOYZ]_acjlnouw~ !#$-.23<=?@LXaz !"#$,-45;=?@EFGHNOQRZ[\]fhnpz| "#)*345689?@CDFGLMPQ[\^_eilnopqrwx~  (*35<>BCHIKLQRWX^_klnowx  !'(*+:;@ABCHJKNQSVW^`abhiklmouw "#+,.034:;ACFGHIOPRSWX`acdgiruwx  #&'*,.67CDFGJKMNSU_abcijklvw   "#,3689:;<BCLOPSUWbcijstyz{} "$&)*47:=?@JNTVWYcegimptuz{$'(*./1267;<>?KLUVXZcdijlopqrsxz{~     ' ) 3 5 : = F H M P T V Z \ b c h i s t y z | } ! ! ! ! !!!!!!!!!! !$!%!*!+!1!2!5!6!9!:!=!>!D!E!H!I!P!Q!W!f!g!h!i!j!o!q!r!t!x!z!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!"" """"""""'"("1"2"8"9"?"@"B"C"D"E"J"L"U"W"^"`"j"l"u"w"~"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""#######%#'#/#0#7#8#9#:#B#C#F#G#N#O#V#W#X#Y#[#\#e#f#n#o#t#u#{#|###########################################$$$$$ $ $ $$$$$$$$$&$'$/$0$:$;$<$=$F$G$I$J$R$S$\$^$a$b$j$k$m$n$w$x$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$%%%%%%%%"%#%$%%%2%8%9%:%;%<%A%B%C%D%O%R%V%W%b%d%o%q%{%}%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%&&& &&&&&&&#&$&0&1&3&4&:&A&B&C&D&E&J&K&L&M&Q&S&\&]&^&_&i&k&q&r&t&u&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&'' ''''''''*'+'4'7'@'C'K'N'X'['`'b'c'e'n'o'w'z'|'~'''''''''''''''''''''''''''''''''''(((((((((($(%(/(1(<(>(B(D(I(L(O(P(X([(`(b(k(m(n(o(w(y({(~((((((((((((((((((((((((((((()) ) ) ))))))#)%)')))-)/)4)5);)<)J)L)R)T)\)^)g)i)l)s)t)v)w)z)))))))))))))))))))))))))))))))))))** * *******&*'*0*1*>*?*H*I*N*O*T*Y*\*^*_*`*a*b*f*g*p*w*y*z*************************************+++ +++++++%+&+*+++3+4+<+>+?+B+I+J+W+X+`+c+d+f+k+m+o+q+z+{+++++++++++++++++++++++++++++++++++++,,,,,,,, ,#,',(,/,0,1,2,:,;,F,H,M,N,T,U,[,],e,g,s,t,},,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,-------- -"-*-+-3-5->-?-A-B-I-J-K-L-R-S-V-W-Z-\-f-h-o-r-t-v-z-|------------------------------------. . ..... .!.".$.&.(.2.3.@.B.G.I.N.O.P.Q.V.X.]._.c.e.m.n.z.}......................................./// //// /#/&/)/+/1/2/4/5/9/:/C/D/F/G/P/Q/[/_/`/b/e/f/h/i/m/n/p/q/r/s/y/z///////////////////////////////////////////0000 0 000000 0"0#0&0)0*0-0/01090;0D0E0L0N0V0X0^0`0e0f0p0r0s0t0w0x00000000000000000000000000000111 1111111&1(1)1,16191<1?1A1B1N1P1U1V1^1_1i1k1v1w1x1y1{1|111111111111111111111111111111222222222 2#2$2'2*2,202123242<2=2H2I2J2L2N2P2Z2\2^2_2h2i2j2k2t2u2~2222222222222222222222222222223333 3 3 3 33333"3#3*3+3,3-3;3D3G3I3K3L3M3N3T3U3W3X3\3]3`3a3k3o3q3s3x3y3z3{33333333333333333333333333333333333333334444444/404243494:4<4=4H4K4L4O4P4R4X4Z4[4]4_4a4e4g4h4j4q4s44444444444444444444444444444444455 5 5 5555!5#5.5052535;5<5?5@5F5G5I5J5N5O5W5\5_5a5c5d5e5f5o5p5t5v55555555555555555555555555555555555555555555555566 6 666666$6&6(6)626365666<6=6D6E6H6I6Q6R6V6r6{6|66666666666666666666666666666666666777 7 7 77777777 7'7(7072757678797C7D7G7H7J7K7P7Q7Z7[7\7]7`7a7c7d7k7l7p7q7t7u7~7777777777777777777777777777777777778 8 88888888&8'8)8*8.8/83848;8<8>8?8B8D8H8I8Q8R8\8_8j8l8n8p8t8v8|8888888888888888888888888888889999 9 999999999#9$9,9-9.9/96979B9C9I9J9M9N9V9W9]9^9a9b9g9h9k9l9q9s9t9u999999999999999999999999999999999999999: : : :::::::&:':-:.:8:::;:<:B:C:E:F:I:J:K:L:Q:R:\:^:`:b:j:k:t:w:x:{:}:~::::::::::::::::::::::::::::::::::;;;;;;;;;; ;";#;,;-;5;7;9;:;D;E;M;N;P;Q;T;U;Y;Z;d;e;r;s;t;u;w;x;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;; < <<<<<#<$</<0<:<;<<<=<@<A<G<H<J<K<S<T<]<a<d<f<h<i<j<k<t<u<v<w<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<==== = =====%=&=)=*=2=3=5=6=;=>=?=B=D=E=O=P=????? ?&?'?/?0?2?3?;????J?K?L?M?V?W?_?b?m?o?r?v?w?x?~????????????????????????????????@@@@AA#A$A)A*A>A?AHAIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAABBBBBBBB B#B$B,B-B1B5B7B9B?BABDBFBKBMBRBSBUBWB[B\BfBhB}B~BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBC)C+C-C3C4C7C8C@CACCCDCGCHCQCRC[C]CeCgCiCjCqCrC~CCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCDDD DDDDDDD%D&D-D.D9D:DNINKNONQN]N_NaNbNgNhNkNlNrNsNuNvNyN{NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNOO O OOOOOOO%O)O,O/O1O2O3O4O;OTBTCTLTMTNTOTTTUT[T\TcTeTmToTwTyT{T|TTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTUU U UUUUUU$U&U(U)U,U-U2U3U9U:UXDXFXLXNXUXWXYX[XeXfXqXsXvXwX}X~XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXYY YYYY Y"Y)Y,Y.Y/Y8Y:YBYDYFYGYPYSYVYYY^Y`YmYoYqYsYxYyY{Y|YYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYZZZZZZZ!Z$Z%Z,Z/Z0Z2Z4Z5Z>Z?ZGZIZNZOZQZRZTZUZ\Z]ZaZbZkZmZpZqZzZ|ZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZ[[ [[[[[[[[&['[*[+[-[.[:[;[=[?[G[I[K[L[U[W[Y[\[i[k[m[n[|[}[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[[\\\\\\\\\!\"\%\'\)\+\2\3\8\=\>\?\A\C\H\J\Q\R\[\\\i\j\m\o\x\{\~\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\]]]]]]]]]]]]&]']0]1]3]4]B]C]H]I]P]Q]W]_]a]b]o]p]s]t]v]w]|]}]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]^^ ^ ^^^^^^^^ ^$^%^/^0^1^2^>^?^G^H^J^K^P^R^U^V^^^a^m^p^r^t^x^z^~^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^_______&_)_+_-_/_7_8_C_D_F_G_J_K_T_U_Z_\_h_k_t_u_z_}_____________________________________``` ` ` ```````#`$`.`0`2`4`8`:`>`?`F`G`O`Q`T`V`X`Z`c`d`r`s`}`~```````````````````````````````````````aa a aaaaa"a#a)a*a1a3a;abHbIbKbLbSbUb\b^bfbhbibkbsbubxbybzb|bbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbccccccccc!c'c(c*c,c/c0c:c;cIcJcOcPcWcXc`cacdcecocrcucvccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccc d ddddd!d"d$d%d0d1d4d5de?eAeBeDeEeKeMePeReVeWebeceeefekeleoepeze{e~eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeffff f fffff&f(f4f5f6f7fBfCfEfFfPfQfTfUf\f]fcfdfjfmfnfpfrftfffffffffffffffffffffffffffffffffffgggggggggg$g%g)g,g-g0g2g4ggCgDgGgHgNgOgQgSgWgYgbgdghgjgmgngxgyg|g}ggggggggggggggggggggggggggggggggggggggghhhhh hhhhhhh"h#h-h/h2h3h?hAhMhOhPhRhShUhZh\h_h`hhhkhrhthhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhiiii i i iiiiiii i.i/i5i6i7i8iAiDiEiHiKiLiNiOiViWiaibieifiritixiyi{i|iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiijjjj j jjjjjjj&j'j/j0j2j4j;jl@lElFlKlLl\l^lcleljlklvlxlzl|lllllllllllllllllllllllllllllllllllllmm m mmmmmm m"m#m.m/m9m:mo?oGoHoJoKoSoTo]o^ocodoiojokolopoqovoxozo|oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooop p ppppppp p!p'p/p1p3p7p8p:p;p@pApMpNpSpUp]p_pdpfphpippprptpupxpyp}p~pppppppppppppppppppppppppppppppppppppppqqqqqqqqqq q"q.q/q0q1q:qu?u@uJuKuWuYu[u\uhujuouqurusuzu{u}u~uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuvvvvv#v$v>vBvEvHvJvKvLvMvOvPv[v\vhvjvnvuvwvyvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvww w w www!w#w&w(w2w3w;w=w@wBwJwLwPwQw^w`wcwewowqwswtw}wwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwxxxx x xxxxx x!x%x&x.x/xx?xIxJxOxPxUxVx^x_xgxixkxlxoxpxwxxx{xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxy y y y yyyy!y"y#y$y%y-y.y0y1y4y5y=y>yFyGyIyJyPyQy\y]ybycyeyfysyty~yyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyzzzzzzzz#z$z&z'z*z+z2z4z6z8z;z=zDzFzIzRzWzYzZz[zczezhzizpzqzwzxzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz{{ { { {{{{{{{"{#{&{'{1{2{:{<{A{B{D{E{K{L{Q{R{T{U{X{`{b{c{e{f{m{n{q{r{}{~{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{{||||||||||(|)|+|,|6|7|9|:|>|?|G|N|Q|S|U|V|W|X|`|a|c|d|m|q|||}|||||||||||||||||||||||||||||||||||||}} } } } }}}}}} }*}+},}-}/}0}:};}C}E}H}I}L}M}O}P}T}U}Z}[}c}d}i}j}p}s}y}z}|}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}}~~~~ ~ ~ ~~~~~&~'~(~)~5~6~8~9~=~>~?~@~I~J~K~L~W~X~Z~[~^~_~f~h~j~l~q~r~s~u~x~y~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~   "$%&(-.0124:>@AIJUVXY^_hilmz{~ "#%'(+,68;<IJMORSVWaefghijklmnopr}~€ĀŀƀǀȀ̀̀πЀ܀ހ &'.0356789>?EFRTWYZ[\]cdfguwz|}~Á́́ρЁ؁ف !'()*3467>@VWbdjkmnop|ǂȂɂʂӂԂ߂&',-78;<CNWX[\dflmnoxy~ÃɃʃ˃̃Ӄԃ׃؃߃ )*0123<=FGIJXchiprxyz{Ȅ̄҄ӄքׄ؄ل$%&',-89<=?@EFMSYZ[\dehiqsyz|}~ɅʅЅх҅Ӆۅ܅݅ޅ &)COMUNE DI MANCIANO Comune di Normal.dotragi112Microsoft Office Word@7@z{bo@@@3vq՜.+,0 hp   MancianoD DocumentSummaryInformation8 4CompObjuCOMUNE DI MANCIANO Titolo  F#Documento di Microsoft Office Word MSWordDocWord.Document.89q ntuNV  ( aiw~Tqs9;?C_aXaFNSUopf!g!!!##8%9%%%A&B&''s)t)X+`+++--//001122y33334444r6{6666 777|8}8\:^::::;D;;;<<B=D=_?a?v?w???@AA)hrOY7VV8b>n%YrX ^` o(. hh^h`5CJo(. ^`5CJo(. 88^8`hH. L^`LhH.   ^ `hH.   ^ `hH. xLx^x`LhH. HH^H`hH. ^`hH. L^`LhH. ^`5CJo(.^`OJPJQJ^Jo(- ^`OJQJo(o pp^p`OJQJo( @ @ ^@ `OJQJo( ^`OJQJo(o ^`OJQJo( ^`OJQJo( ^`OJQJo(o PP^P`OJQJo(hY7>%YVV8~8.Vp;9 eG$9*2/I@3SVViv5mRN=cPH6K|L|M|N|o|p|q|||||}}E}r}s}}~~";<r)!@