Uncategorised

Elena Guerrini

Elena Guerrini ne "La cucina erotica"Laureata al D.a.m.s. è stata allieva di Umberto Eco, Giuliano Scabia e Gerardo Guccini. Autrice, regista  e attrice storica della compagnia di Pippo Delbono,  ha lavorato in teatro e cinema con Pupi Avati, Bertolucci, Pappi Corsicato e Alfonso Arau, ha scritto il libro Orti Insorti, ed. Stampa Alternativa, da cui ha tratto l’omonimo spettacolo, ed è l’ideatrice  del Festival “A Veglia” con il quale ha riscoperto e riproposto un’antica usanza maremmana: quella delle serate “a veglia”, appunto.
“Il Festival, spiega - si inserisce in un progetto di valorizzazione dei centri storici dei piccoli Comuni e delle zone rurali della Maremma. nel rapporto informale con il pubblico. Il Festival ‘A veglia’ ha dimostrato di essere gradito ad un pubblico variegato e alla ricerca di una simbiosi tra spettacolo e natura, valorizzando la memoria e il ricordo della civiltà contadina, della vita agreste e di un tessuto sociale spesso dimenticato”.
Le cifre della prima  e della seconda edizione che si è svolta negli anni precedenti, sono segnale di  un grande interesse, un fermento culturale, soprattutto nei centri minori, che ha messo in luce il desiderio, spesso sottostimato, di confrontarsi con questo fondamentale linguaggio artistico. Il  target di persone è colto e popolare allo stesso tempo: turisti e gente del posto, che si presentano con la sedia in mano e il “biglietto” in prodotti della terra: un modo per promuovere anche le produzioni tipiche locali fuori dai circuiti tradizionali.
 Si tratta, inoltre, di un festival a basso costo e a basso impatto ambientale: le luci sono quelle di casa, non ci sono palchi né microfoni nè casse, ma la complicità delle persone che aprono le loro porte al teatro e spengono la televisione per una sera.
Gli artisti, oltre alla loro generosità , rinunciano al chachet monetario per riscuotere  l’incasso della serata in olio, vino, formaggio ecc., gratificano ulteriormente le attese di un pubblico sincero e genuino  fermandosi a parlare a lungo dopo lo spettacolo.”


Per interviste e contatti: 338 2871854

A VEGLIA

 A VEGLIA - a teatro col baratto
A MANCIANO (GR), NEL CUORE DELLA MAREMMA, PER AFFRONTARE LA CRISI ECONOMICA E TORNARE AGLI USI DELLA CIVILTÀ CONTADINA, L’ATTRICE ELENA GUERRINI HA INVENTATO UN ORIGINALE FESTIVAL TEATRALE CON INGRESSO A BARATTO!

A VEGLIA A TEATRO COL BARATTO DAL 22 AL 27 SETTEMBRE 2009
Barattando si impara.
Non tanto a fare a meno del denaro,esercizio già noto a molti a causa della crisi,quanto a riflettere sul suo reale valore. Migliorando magari i rapporti con le persone.
Da questa intuizione la regista e attrice Elena Guerrini ha ideato e dirige  da 3 anni il festival

A VEGLIA 
A TEATRO COL BARATTO
A MANCIANO DAL 22 AL 27 SETTEMBRE  2008
L'unico festival teatrale al mondo dove si entra a vedere gli spettacoli, teatro e natura , teatro di civile  di narrazione  e spettacoli di circo teatro, pagando un biglietto in natura: infatti per 6 giorni si lascia a casa il "vil danaro " e si porta un litro di olio o una bottiglia di buon vino o un pezzo di formaggio o un barattolo di marmellata fatto in casa come biglietto di ingresso allo spettacolo teatrale che, altra cosa originale, si svolge nelle case private, nelle aie e giardini, teatri naturali dell'antico borgo di Manciano, dove da casa ci porta anche la sedia o  lo sgabello per ricreare l’antica usanza Maremmana della veglia.


 

Un teatro "fatto in casa " che ospita  grandi nomi del teatro italiano
Contemporaneo:da Lorenza Zambon l'Attrice Giardiniera che ci farà la sua  Prima lezione di giardinaggio per giardinieri rivoluzionari e Seconda lezione di giardinaggio per giardinieri planetari con riflessioni sull'ambiente e sul consumo di territorio,il 22 Settembre per l'apertura  del festival ,ad Andrea Cosentino con I primi passi sulla luna,


 

il 23 Settembre ,una  gustosa anteprima del suo nuovo spettacolo in occasione del quarantennale  dell'allunaggio.
a Elena Guerrini con i suoi Orti Insorti, che dopo la lunga tourneé da Bassano del Grappa a Reggio Emilia a Taormina   torna nella sua Maremma  con  l’ormai noto spettacolo prodotto solo con il  baratto  e con l'anteprima di Bella Tutta. I miei grassi giorni felici: studio sulla contemporanea bellezza globalizzata ,il 23 e il 26 Settembre ,a Giuseppe Ciciriello attore pugliese nuova rivelazione del teatro civile di narrazione che  con il suo Il traìno dei fessi,  monologo dialettale ora comico ora grottesco, porta in scena la  follia, la diversità, gli inganni della classe politica e l'ingenuità dei personaggi di un piccolo paese del Sud Italia.
Eventi preziosi per un pubblico attento, colto e popolare,
 che gusta il teatro come un buon vino e grandi artisti che verranno ospitati nelle case del paese che  per una sera decidono di  venire  A VEGLIA disponibili al baratto: baratto di storie di parole, di paesaggi e di cibo. Novità del festival è che ci saranno anche 2 grandi eventi  di Circo Teatro per grandi e piccini della famiglia di circensi Crop Circo, il divertente spettacolo No pain no brain e La favolosa  storia di Callisto e bebè
che ci caleranno nelle atmosfere di un circo di inizio secolo,
a Manciano il 24 Settembre pomeriggio e la sera a Poderi di Montemerano.
e le nuove canzoni di Andrea Arrighi: Mito e astrologia, il 25  Settembre.
La serata di chiusura del festival il 27 Settembre sarà dedicata ad
Alfio Cavoli il più grande scrittore della Maremma scomparso un anno fa,
con lo spettacolo tratto dal suo romanzo  Tiburzi il brigante,con Federico Magherini e Sara Georg.
Una presenza internazionale e illustre al festival  A VEGLIA è l'attrice polacca Ewa Benesz, attrice e allieva di Jerzy Grotowsky, che condurrà un seminario intensivo sulle pratiche vocali per attori, dal 23 al 25 Settembre, e porterà in scena la lettura del Poema di  Adam Mickiewicz, grande autore considerato il  Dante della Polonia, “Il signor Taddeo”, il 25 settembre, per la prima volta in pubblico dopo anni di ricerca e lavoro pedagogico.


 

PREPARATE IL CESTO CON  VINO, OLIO, FORMAGGIO, CHE SI VA A VEGLIA  A MANCIANO   A CASA DI…….

IL FESTIVAL  A VEGLIA,  GIUNTO ALLA  SUA TERZA EDIZIONE, è realizzato grazie al prezioso contributo economico del Comune di Manciano e la partecipazione di alcuni sponsor locali: Locanda Laudomia,Pizzeria Osè, e  Aurinia, BBC Saturnia, Enoteca "La Torre in Cantina" ed è organizzato dall’associazione Culturale Creature Creative.

programma A VEGLIA

A VEGLIA - a teatro col baratto“A VEGLIA - A TEATRO COL BARATTO”
A MANCIANO E DINTORNI
 PORTARSI  LA  SEDIA
dal 22 al 27 SETTEMBRE 2009
spegnete la televisione e aprite la casa al teatro
Costo del biglietto: olio, vino, formaggio...
3° EDIZIONE
Ideazione e direzione artistica: Elena Guerrini
Organizzazione: associazione culturale "Creature Creative"

Martedì  22 settembre ore 21.30
“Prima lezione di giardinaggio per giardinieri rivoluzionari. “
“Seconda lezione di giardinaggio per giardinieri planetari”
di e con Lorenza Zambon
A casa di Alessia e Marco Morini, Via F. Cavallotti, 18
 
Mercoledì 23 settembre ore 21.30 
“Primi passi sulla luna”
di e con Andrea Cosentino
ore 22.30
“Orti Insorti”
di e con Elena Guerrini
A casa di Lorella e Raimondo Marras, Via XX settembre 113
 
Giovedì 24 settembre ore 18.00 
“No pain no Brain”
di Crop Circo
Alle Muretta
ore 21.30
“Callisto e Bebé”
di Crop Circo
A casa di Emo Rossi, Poderi di Montemerano
 
Venerdì 25 settembre ore  21.30
“Il signor Taddeo.”
Un poema di Adam Mickiewicz  lettura di Ewa Benesz
ore  22.30
“ Mito e astrologia” 
Canzoni di e con Andrea Arrighi
A casa di Alessandra e Pietro Binaghi, Via Roma, 40
 
Sabato 26 settembre ore 21.30
“Il traìno dei fessi”
di e con  Giuseppe Ciciriello
ore 22. 30 
“Bella tutta. I miei grassi giorni felici “
di e con Elena Guerrini
A casa di Aldo e Mietta Cavoli, Costa della Società, 5
 
Domenica 27 settembre ore 21.30
“Tiburzi il brigante”
con Federico Magherini e Sarah Georg
A casa di Elena Mazzieri, Via XX settembre, 97

info: tel. 338 2871854

IMPATTO - l'arte dialoga con il Territorio

IMPATTO - l'arte dialoga con il TerritorioManciano – dal 12 agosto al 13 settembre
Via Marsala e dintorni

Sede: cantina di Evia
Via Saffi 22

Il vero rischio della cultura contemporanea è il niente. Opinioni in libertà. Il caos non interpretato. Per opporsi al niente bisogna ricominciare daccapo: sapere su cosa possiamo contare, da che cosa dobbiamo difenderci, come riconoscere gli amici, i nemici e gli amici dei nemici. Nell'epoca del Pensiero Debole, la nostra epoca, siamo circondati da proclami, da notizie terrificanti, da atti di accusa. Eppure, tutti questi discorsi non ci toccano, sono lontani dalla realtà. Restiamo insensibili, intrappolati tra due sensazioni di impotenza.
Da una parte la quotidianità prosegue in un percorso di indifferenza. Sappiamo che bisogna aiutare gli indigenti, non inquinare, vivere in modo sano. Ma questa consapevolezza non influenza la realtà immediata. L'individuo va avanti in una sorta di nulla che non si identifica né con l'edonismo né con l'utilitarismo.
Dall'altra si moltiplicano i grandi discorsi del tutto avulsi dalla quotidianità: "L'imperialismo avanza", "Il neoliberismo distrugge la società", "Le catastrofi ecologiche mettono in pericolo la società".
La morale orienta queste affermazioni e ci impone di essere solidali. Dovremmo paragonare ciò che avviene concretamente nella nostra vita, immersa nell'indifferenza, a queste idee molto astratte di bene.

Tassi di assenza

Adempimenti di cui alla legge n.69 del 18/06/2009 art.21 comma 1
 

Altri articoli...

  1. Vigilanza